L'edera (dramma)/Atto I/Scena VIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Scena VIII

../Scena VII ../Scena IX IncludiIntestazione 26 marzo 2015 100% Da definire

Atto I - Scena VII Atto I - Scena IX
[p. 41 modifica]

SCENA OTTAVA.

Melchiorre, e Detti.



Melchiorre

piccino, pallido, scarno, poveramente vestito, timido e triste.

I padroni non sono in casa?

rimane sulla soglia.

Gantine.

Il padrone, adesso, sono io!... Don Gantine, cavaliere senza cavallo!... Avanti, straniero!... Hai paura di entrare e di seder a tavola?

Melchiorre

avanzandosi timidamente.

Grazie... Ho già mangiato.

Gantine.

Beverai, almeno!... Avvicinati... siedi... Salute all’ospite!

Melchiorre

rinfrancatosi, siede; ma discosto dalla tavola, e dando le spalle al letto.

Salute a te!... Tu sei il servo, non è vero? [p. 42 modifica]

Gantine.

Ora, sono il padrone!... Di dove sei?

Melchiorre.

Di Aritzu... Sono figlioccio di un amico di Don Simone... e, poi, conosco Don Paulu... Tu gli rassomigli molto... Sembrate fratelli.

Gantine

con vanità.

Lo dicono tutti... che ci rassomigliamo!

verso la cucina.

Annesa, porta da bere!

a Melchiorre.

Sei venuto per la festa soltanto?

Melchiorre.

No: per vendere speroni e briglie.

Gantine

verso Annesa, che ha portato il vino, e ne versa all’Ospite.

Vendimi una briglia... per questa puledra!

Annesa

imitandolo.

Vendimi uno sperone... per questo ronzino! [p. 43 modifica]

Melchiorre

guardando Annesa.

Mi pare che, per vojaltri due, basti un laccio solo.

Annesa

a Melchiorre.

Bevi, fratello caro!

Melchiorre.

Dio te lo paghi, bellissima sorella!

beve: — Annesa gli versa ancora da bere e se ne va. — Melchiorre la segue con gli occhi, sempre bevendo.

Gantine.

È inutile che tu la guardi!... Non è pane per i tuoi denti!

Melchiorre

alquanto esaltato.

Ma lo è per i tuoi!... Tu, però, sembri molto più giovane.

Gantine.

Che importa?... Siamo cresciuti tutti e due in questa casa... Siamo entrati come figli di famiglia... Essa, anzi, è figlia d’anima dei miei padroni. [p. 44 modifica]

Melchiorre.

Figlia d’anima?... Vorrai dire: figlia adottiva?

Gantine.

No, ma quasi... Devi sapere che Don Simone è stato per un pezzo sindaco di Barunei... Non si contano le buone opere che ha fatto!... Tutti i poveri sono stati soccorsi da lui... Molti anni or sono... io non masticavo pane, allora!... capitò alla festa di San Basilio — come ne vedrai molti domani — uno di quei vagabondi che vivono andando di paese in paese... Aveva con sè una bambina di tre o quattro anni, che è appunto Annesa... Un bel giorno, fu trovato morto sui gradini della chiesa... La bambina piangeva... Don Simone la portò in casa, la fece allevare in famiglia e la tenne come figliuola.

Melchiorre.

Per cui, non si sa di dov’è... nè chi sia?... Non sembra neanche di razza sarda!

Gantine.

Sì, sembra una continentale... Chi sa che il mendicante non l’abbia rubata.

Melchiorre

con serietà beffarda

Che sia figlia di re? [p. 45 modifica]

Gantine

ridendo.

Superba lo è... come se lo fosse.

Melchiorre

guardando intorno.

Ma i tuoi padroni non si vedono?

Gantine.

Sono andati a vedere i fuochi... Adesso, andremo anche noi... Bevi, fratello caro!

Melchiorre

che ha scorto Zio Zua.

E quel Vecchio... è il padre di Don Simone?

Gantine.

Salute!... Dovrebbe essere Noè!... Non sai che Don Simone ha settantacinque anni? Quello lì è un parente.

abbassando la voce.

È stato alla guerra di Crimea... Lo teniamo da qualche tempo in casa, perchè non ha famiglia... E’ molto ricco... ma è anche un avaraccio maledetto!... Però, ha fatto testamento in favore di Rosa, la bambina di Don Paulu.

vedendo che non c’è più vino da versare.

Annesa, porta ancora da bere!

alquanto brillo.

[p. 46 modifica]

Annesa

ricomparendo.

Hai bevuto abbastanza!

Gantine.

Dicevo per l’Ospite...

Melchiorre

alzandosi, ridendo.

Per me, vi ringrazio... Usciamo, piuttosto: beveremo fuori.

Gantine

alzandosi.

Lascia socchiuso il portone... Ritorneremo presto.

Annesa.

Faresti meglio a coricarti subito... Ad ogni modo, prendi la chiave... L’Ospite dormirà con te in cucina... Ho preparato le stuoje.

Gantine

carezzevole, ad Annesa.

Lascerai, almeno, aperta questa porta? indica quella di cucina.

Annesa

con sorriso malizioso.

Donna Rachele non vuole!

Gantine cerca di farle una carezza: — Annesa lo respinge con mal garbo.

[p. 47 modifica]

Melchiorre

godendosela: — a Gantine.

Per questa notte, ti farò compagnia io!... Andiamo!

Melchiorre e Gantine escono dalla cucina: — Annesa sparecchia la tavola: — pausa.