La Crocifissione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Jacopone da Todi

XIII secolo C Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Poesie Duecento La Crocifissione Intestazione 5 gennaio 2012 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 65 modifica]

Nunzio.DONNA del Paradiso,
II tuo figliuolo è priso,
     Jesù Cristo beato.

Accorri, Donna, e vide
     Che la gente l’allide:
     Credo che lo si uccide,
     Tanto l’han flagellato.

Vergine.Como essere potria,
     Chè non fe’ mai follia,
     Cristo, la spene mia,
     L’avesse omo pigliato?

Nunzio.Madonna, egli è traduto:
     Juda sì l’ha venduto;
     Trenta danar n’ha avuto,
     Fatto n’ha tal mercato.

Vergine.Soccorri, Maddalena,
     Gionta m’è addosso piena:
     Cristo figlio si mena
     Come or m’è annunzïato.

Nunzio.Presto, Madonna, ajuta,
     Ch’al tuo figlio si sputa,
     E la gente lo muta:
     L’han condotto a Pilato.

Vergine.O Pilato, non fare
     II figliuol mio cruciare:
     Ch’io ti posso mostrare
     Come a torto è accusato.

[p. 66 modifica]

Turba.Crucifi’, Crucifige!
     Uomo che si fa rege
     Secondo nostra lege
     Contraddice al senato.

Vergine.Priego che m’intendiate,
     Nel mio dolor pensate;
     Chè forse poi mutate
     Quel ch’avete pensato.

Nunzio.Traggon fuor li ladroni,
     Che sian suoi compagnoni.
Turba.
     Di spine s’incoroni,
     Chè rege s’è chiamato.

Vediam se ’l sarà forte
     Contro esta mala morte.
     Muoia fuor de le porte,
     E Barab sia lassato!

Vergine.O figlio, figlio, figlio,
     Figlio, amoroso giglio,
     Figlio, chi dà consiglio
     Al mio core angustiato?

O figlio, occhi giocondi,
     Perchè non mi rispondi?
     Figlio, perchè t’ascondi
     Dal petto u’ se’ lattato?

Nunzio.Madonna, ecco la cruce
     Che la gente l’adduce,
     Ove la vera luce
     Dee essere levato.

[p. 67 modifica]

Vergine.O cruce, che farai?
     II figlio mi torrai?
     E che ci apponerai,
     Che non ha in sè peccato?

Nunzio.Corri, o piena di doglia,
     Che ’l tuo figliuol si spoglia.
     La gente par che voglia
     Che sia in croce chiodato.

Vergine.Togliendogli el vestire,
     Lassatelmi vedire,
     Come ’l crudel ferire
     Tutto l’ha insanguinato.

Nunzio.Donna, la man gli è presa
     E nella croce stesa,
     Con un bollon gli è fesa:
     Tanto ci l’han ficcato.

L’altra man mo si prende,
     Nella croce si stende;
     Et il dolor s’accende
     Che più è moltiplicato.

Donna, i piè sono al segno
     E chiavellansi al legno;
     E pel grande sostegno
     Tutto l’han disnodato.

Vergine.E i’ comencio il corrotto.
     Figliuolo, mio diporto,
     Figlio, chi mi t’ha morto,
     Figlio mio dilicato?

[p. 68 modifica]

Meglio averieno fatto
     Che ’l cor m’avessin tratto,
     Che nella croce tratto
     Starci descilïato.

Cristo.Donna, ove sei venuta?
     Mortal mi dai feruta.
     II tuo pianger mi stuta
     Piu che ’l mio crucïato.

Vergine.Da me chi t’ha spartito,
     Figlio, patre e marito?
     Figlio, chi t’ha ferito?
     Figlio, chi t’ha spogliato?

Cristo.Donna, perchè ti lagni?
     Voglio che tu rimagni,
     Che giovi a’ miei compagni
     Ch’al mondo aggio acquistato.

Vergine.Figlio, questo non dire.
     Voglio teco morire,
     Vo’ costassù salire
     E morirmiti a lato...

Cristo.Donna, mio core afflitto
     Entro a tue man ti metto:
     Joanne mio diletto
     Sia tuo figlio appellato.

Joanne, ecco mia Mate,
     Togliela in caritate;
     Aggine pïetate,

     Che ’l core ha trapassato.
[p. 69 modifica]

Vergine.Figlio, l’alma t’è uscita,
     Figlio de la smarrita:
     La luce m’è sparita,
     E ’l cuor m’è attossicato.

Oimè, figlio innocente;
     O mio sol risplendente,
     Passato all’altra gente,
     Qual ti veggio oscurato!

Figlio bianco e vermiglio,
     Figlio senza simiglio:
     O figlio, a chi m’appiglio,
     Chè mi hai, cor mio, lassato?

O figlio bianco e biondo,
     Figlio, volto giocondo,
     Figlio, perchè t’ha el mondo,
     Figlio, così sprezzato?

Figlio dolce e piacente,
     Figlio de la dolente,
     O quanto ti ha ’sta gente
     Malamente trattato!

Joanne, fi’ novello,
     Morto è lo tuo fratello.
     Sentito aggio ’l coltello
     Che mi fu profetato.
                 * *
                  *
Percosso ha figlio e matre,
     E in un colpo atterrati.
     Trovaronsi abbracciati

     Madre e figlio a un cruciato.