Le Ninfe, che pei colli e le foreste

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Eustachio Manfredi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Le Ninfe, che pei colli e le foreste Intestazione 9 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Eustachio Manfredi


[p. 264 modifica]

XX1


Le Ninfe, che pei colli e le foreste,
     Del picciol Ren han loro stanza, il giorno
     Che Costei le lasciò, le furo intorno
     Tutte nel viso lagrimose e meste,
5Ohimè, che fau queste aspre lane, e queste,
     Funi, dicean, che annodi al fianco attorno?
     E quai ruvide bende al collo adorno
     T’hai cinte, e quai ghirlande al crin conteste
Ella con fermo viso, e con sembiante
     10Cui d’altro cal, pur le consola, e affretta,
     Pur alla fuga le veloci piante.
Tal che gridar: certo a gran prove eletta
     Fu questa; e grande amore, e grande
     E’ quel che siegue, e gran mercè n’aspetta.


Note

  1. Per Monaca.