Le poesie di Catullo/77

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../76

../78 IncludiIntestazione 22 ottobre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
77
76 78
[p. 122 modifica]

 O Rufo, o invan da me stimato un giorno;
     (Invano? ahi no, ma con mio danno e scorno!)

[p. 123 modifica]


Così m’hai soppiantato, immiserito,
     Straziato il core, ed ogni ben rapito?

5Rapito? Oh de’ miei dì fiero veleno!
     Oh amistà, che sì m’appesti il seno!

E i puri baci di chi a me fu diva
     Scompiscerà la tua sozza saliva?

Ma non impune: i tempi che verranno
     10Tua fama infame e chi tu sei sapranno.