Le poesie di Catullo/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
83

../82 ../84 IncludiIntestazione 22 ottobre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
83
82 84
[p. 125 modifica]

Lesbia, in presenza a suo marito, dice
     Corna di me; ed ei ne va felice.

Ciuco! S’ella tacesse il nome mio,
     Avrebbe il nostro amor posto in oblio;

5Ma se ne parla, e ne garrisce ognora,
     Vuol dir, che l’amor mio ricorda ancora;

Ricorda, e quel che non è certo un gioco,
     È irata, vale a dire, è ancor nel foco.