Le poesie di Catullo/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
97

../96 ../98 IncludiIntestazione 22 ottobre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
97
96 98
[p. 133 modifica]

Se annusar debba a Emilio, per gli Dei,
     La bocca o il deretan dir non saprei:

Niente ha dell’uno più pulito, niente
     Ha dell’altra più sozzo e più fetente.

5A conti fatti è quello il men cattivo,
     Se non altro, perchè di denti è privo;

Quella gli ha enormi, e sembra a dirittura
     Cassa intarlata di vecchia vettura;

[p. 134 modifica]


E un’apertura ha così laida e sconcia,
     10Qual di mula che pisci ardente cioncia.

Eppur fa il mangiacuori e il damerino!
     O perchè non lo mandano al mulino?

Perchè non dir ch’egli a leccare è nato
      Le marce lacche d’un becchin malato?