Le poesie di Catullo/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
99

../98 ../100 IncludiIntestazione 22 ottobre 2010 100% poesie

Gaio Valerio Catullo - Poesie (I secolo a.C.)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1889)
99
98 100
[p. 134 modifica]

Mentre giocherellavi, Giovenzio inzuccherato,
     Un bacio, dell’ambrosia più dolce, io t’ho rubato.

Non l’avessi mai fatto! Per più d’un’ora in croce
     Mi tenesti confitto ad un supplizio atroce.

[p. 135 modifica]


5Ti chiesi invan perdono, fu inutile il mio pianto:
     Non potei la tua collera diminuire alquanto.

Cattivo! Non appena ti baciai, con le dita
     Ti sei tutta la bocca risciacquata e pulita,

Perchè del mio contatto non ti restasse traccia,
    10Come se sbaveggiato d’una sozza donnaccia.

Poi gettandomi in preda allo sdegno d’amore,
     Non lasciasti alcun modo di trafiggermi il core;

Tanto che quel tuo bacio più dell’ambrosia caro,
Più dell`amaro elleboro m’è diventato amaro.

15Oh, giacchè tale infliggere pena all’amor ti piaci,
    Non temere, Giovenzio, non ti darò più baci.