Le rime della Selva/Parte seconda/Addio!

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte seconda - Addio!

../Sul limitare ../Eppure — no! IncludiIntestazione 26 novembre 2016 100% raccolte di poesie

Parte seconda - Sul limitare Parte seconda - Eppure — no!


[p. 252 modifica]

ADDIO!


 
No, non mi lagno, non piango:
     Addio, feccioso pianeta:
     La miserabil mia creta
     4Può ritornare al tuo fango.

Io me ne vado. Le spine
     Valgon le rose.... Che giova
     Ricominciare la prova?
     8Io me ne vado alla fine.

Dove? Lo ignoro. Lo spazio
     È, per ventura, infinito,
     Ed offrirà bene un sito
     12A chi della terra è sazio.

[p. 253 modifica]


Addio, rifiuto de’ cieli;
     Addio, lezzosa cloaca,
     Dove osannando si sbraca
     16La turba de’ tuoi fedeli.

Più non m’avrai. Già m’avesti,
     Non dico molto, ma troppo:
     Ora da te mi disgroppo,
     20Prima che il giorno, si desti.

Rimanti co’ tuoi cinedi,
     Con le tue poche bagasce,
     E i tuoi bertoni, onde nasce
     24Eterna schiatta d’eredi.

Con gli arruffoni sinistri,
     Coi bottegai mariuoli,
     Coi bari e coi borsajuoli
     28Di cui si fanno ministri.

Rimanti con gl’istrïoni,
     Rimanti con gl’impostori,
     Che ottengon tutti gli onori
     32Da un popolo di castroni.

[p. 254 modifica]


Rimanti col falso vero
     De’ tuoi maestri galanti,
     De’ tuoi dottori ignoranti,
     36Che mostran bianco per nero.

Rimanti co’ delicati
     Tuoi superuomini esteti;
     Rimanti co’ tuoi poeti
     40Imbellettati, leccati;

Co’ tuoi poeti modello,
     Che stillano dal concime
     Saporitissime rime
     44E stan di casa al bordello.

Rimanti col libro d’oro
     De’ tuoi gran re piccolini,
     Che si proclamar divini,
     48E s’incoronan d’alloro,

In premio delle battaglie
     Che non han viste nè vinte,
     Ma che i pittori han dipinte
     52Per abbellir le muraglie.

[p. 255 modifica]


Rimanti, putrida zolla,
     Con le tue maschere sciocche,
     Le tue grandezze pitocche,
     56La tua viltà che raspolla.

Rimanti col tuo malanno
     E con la mala ventura,
     Fondaco d’ogni sozzura,
     60Tetra fucina d’inganno.

Rimanti con l’ira imbelle
     E con le antiche menzogne,
     Cui sarian poche le fogne
     64Di cento Rome novelle.

Ecco, un incognito mare
     Mi si distenebra a fronte;
     Sullo snebbiato orizzonte
     68L’alba comincia a spuntare.

Io me ne vado. L’intrico
     Che già mi tenne si snoda.
     Addio, pestifera proda!
     72Ti fuggo e ti maledico.