Necrologio: Hyman Montagu

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
1895

N Indice:Rivista italiana di numismatica 1895.djvu Rivista italiana di numismatica 1895 Necrologio: Hyman Montagu Intestazione 4 aprile 2018 75% Numismatica

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della rivista Rivista italiana di numismatica 1895

[p. 131 modifica]


H. MONTAGU.


Da Londra ci giunge la notizia della morte del nostro socio il sig. H. Montagu, avvenuta il 18 febbraio scorso. Avendo avuto l’onore e il piacere di conoscerlo personalmente e di apprezzarne, oltre l’ingegno, le squisite qualità dell’animo, ci sentiamo maggiormente in dovere di tributargli pubblicamente un segno di stima e d’affetto in questa Rivista.

Educato alla City of London Scool, il Sig. Montagu attese agli studii legali e percorse una brillante e fortunata carriera d’avvocato procuratore; mentre nello stesso tempo era uno dei più noti e appassionati cultori della numismatica in Inghilterra. Vice presidente della Società Numismatica di Londra, possedeva una delle più vaste e insigni collezioni di monete anglo sassoni e inglesi, greche e romane.

S’era occupato specialmente della numismatica inglese e nel 1885, aveva pubblicato: The Copper, Tin and Bronze Coinage and patterns for Coins of England, front the reign of Elizabeth to that of her present Majesty.

Inoltre aveva pubblicato molti articoli nella Numismatic Chroniche sulle monete inglesi e sulle greche, ed ora stava preparando l’illustrazione di tutti gli aurei romani inediti della sua collezione (una superba serie di 1200 pezzi forse la più importante fra le private in Europa e certo superiore per numero e rarità di pezzi alla famosa collezione d’Amécourt), quando una forte polmonia lo colse e in nove giorni lo condusse al sepolcro.

Crediamo interpretare il sentimento di tutti i nostri soci esprimendo alla sua desolata famiglia i sentimenti del massimo dolore per l’uomo eminente che aveva sempre dimostrato tanto affetto per l’Italia e per la nostra Società.

La sua collezione subirà la sorte di tutte le collezioni private e andrà dispersa.

Milano, Marzo 1895.

F. G.