Novelle (Bandello, 1910)/Parte II/Novella XIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella XIX - Il re Lodovico XI con arguta risposta morde Lodovico suo genero duca d’Orleans
Parte II - Novella XVIII Parte II - Novella XX
[p. 47 modifica]

IL BANDELLO

al signor

pietro francesco di noceto

conte di Pontremoli, scudiero e gentiluomo di camera

di Sua Maestá cristianissima.


Ancora che sempre l’uomo debbia prima che parli maturamente considerar le parale che vuol dire e aver riguardo al tempo, al luogo, a la materia che si tratta ed a la persona con la quale ragiona, mi pare nondimeno che molto piú avvertir vi si debbia quando s’è a la presenza dei suoi maggiori, e molto piú se si parla con un gran prencipe e re: sono y re sacrati e pieni di maiestá, e convenevol cosa è che noi quasi come un nume gli onoriamo. Onde ragionando voi in Pinaruolo e molte cose del re Lodovico undecimo dicendo, il signor Cesare Fregoso, cavalier de l’ordine del re cristianissimo e in Italia suo luogotenente generale, dilettandosi senza fine d’udir l’azioni e pronte risposte di detto re, pregò molti dei capitani e signori che al ragionamento erano presenti, che se v’era alcuno che sapesse qualche bella cosa d’esso re, la volesse dire. Il gentil e valoroso colonnello il signor Lelio Filomarino, confermando ciò che voi detto avevate, narrò appresso una pronta ed arguta risposta che esso re diede a Lodovico, alora duca d’Orliens, suo genero. E ancor che il detto fosse mordace, fu tuttavia dato in tempo ed a proposito. Voi alora mi pregaste che io lo volessi scrivere ed al numero de l’altre mie novelle aggiungere. Il che avendo fatto, ho anco voluto che sotto il nome vostro segnato resti per memoria e testimonio de la mia osservanza verso voi; e ve la mando e dono. State sano. [p. 48 modifica]48 PARTE SECONDA NOVELLA XIX Il re Lodovico undccimo con arguta risposta morde Lodovico suo genero duca d’Orliens. Il signor conte di Pontremoli ci ha narrato molte belle cose in commendazione del re Lodovico undecimo, padre di Carlo ottavo, che al tempo di papa Alessandro sesto col braccio del duca di Milano venne in Italia e senza romper lancia prese il regno di Napoli, ben che assai poco per il tristo governo dei ministri che vi lasciò lo tenesse. Fu il detto Lodovico re uomo di suo capo e vivendo il padre, che Carlo settimo si chiamava, venne in discordia seco; e fuggendo fuor del reame di Francia, si condusse in Borgogna, ove da Filippo duca d'essa Borgogna fu graziosamente raccolto, col quale dimorò fin a la morte del padre. Fatto dapoi re di Francia, ebbe assai che fare, e se¬ condo che egli dal padre era fuggito, un suo fratello da lui discordandosi, fu cagione che tutto il reame de la Francia andò sossopra e quasi tutti i baroni di detto regno contra lui rebella- rono. Ma tra gli altri che più infesti gli furono, fu Lodovico duca d'Orliens, che fatto re di Francia si chiamò Lodovico de¬ cimosecondo. Ora il detto Lodovico undecimo essendo in Parigi dai baroni assediato, e con aiuto di Francesco Sforza primo di questo nome duca di Milano, che gli mandò Galeazzo suo pri¬ mogenito sotto la cura del conte Gasparo Vimercato, liberato da l’assedio, fece di modo che con ingegno ed arte superò tutti i baroni rubelli, dei quali alcuni fece morire. E per meglio sta¬ bilir le cose sue, diede una sua figliuola per moglie, che Gio¬ vanna si chiamava, a Lodovico duca d’Orliens, la quale egli dopo la morte di Carlo ottavo suo cognato repudiò e prese la reina Anna, stata moglie d’esso Carlo. La duchessa Giovanna si ridusse a Burges in Berri, ove fabricò un santissimo mona¬ stero di monache ed ivi visse molto santamente, e dopo morte si dice che ha fatto di molti miracoli. Ma torniamo al propo¬ sito nostro. Io vi dico che la detta Giovanna duchessa d’Orliens era di corpo assai mal formata, perciò che era forte sciancata [p. 49 modifica]da uno dei lati. Oltra questo, il suo viso non era di quegli angelici e belli del mondo, ma teneva un poco di quelli dei Ba- ronzi; degli occhi, pareva che l’uno guardasse a oriente e l’altro verso occidente; il naso era forte camuffo, con una bocca di rondinella. E se la natura nel formarle il corpo le era stata ma- drigna, quanto più l’aveva composta brutta tanto nostro signor Iddio l’aveva fatta d'animo veramente regio e generoso. Erano poi in lei tutte quelle donnesche vertù e doti che ad ogni donna di grandissimo stato si ricerchino. Ora avvenne un dì, che essendo il re in una sala ove tutti i baroni de la Francia si ritrovarono, che erano venuti ad Ambosia ove il re congregati gli aveva per gli affari del reame, per intender l’openione de la più parte di essi baroni e signori ; avvenne, dico, che essa madama Giovanna volendo partir di sala e andar in camera, prese licenza dal re suo padre e si partì. Come ella fu di sala uscita, il duca d’Orliens suo marito cominciò a la presenza del re e di tutti i baroni a lodare e senza fine magnificar la mo- glie, dicendo che egli non aveva mai conosciuta la più gentile, discreta ed avveduta donna in tutta Francia, né altresì la più costumata di quello che era sua moglie. E poi che gli onesti modi, le cortesi maniere, le gratissime accoglienze, le pronte e sagge risposte, l’antiveder accorto e provido ed i consegli prudentissimi con il savio governo ebbe con molte ed accomo- date parole alzato fin a le stelle e quanto più si possa lodato ed essaltato, cominciò ad entrare in un altro campo e voler correr un arringo in lodar le bellezze di lei. E quivi il buon duca disse che sua moglie era bellissima e che aveva un polito e leggiadro viso, con mille altre favole. Il re che le lodi appar- tenenti a l’animo de la figliuola aveva volentieri e con piacer grandissimo ascoltato, perciò che chiaramente conosceva che il genero diceva il vero, essendo la figliuola gentilissima e da bene, non averebbe voluto che il duca fosse passato più avanti. Ma come egli sentì lodarla de la bellezza del volto e di proporzione e' mem- bri, di cui chi non era più che ceco la vedeva priva e forte manchevole, si turbò molto e mostrò la turbazione in viso, tenendosi senza dubio esser da suo genero beffato e credendo


M. Bandello,Novelle.

4

[p. 50 modifica]50 PARTE SECONDA che cosi come egli diceva le manifestissime bugie in dir che la moglie era bellissima, che anco con animo contrario avesse detto le lodi de l’animo. Il perché, come scaltrito che era ed avveduto, dissimulò più l'ira che puoté e deliberò con una mordacissima risposta, senza mostrar ne le parole sdegno alcuno, di vendicarsi. Onde al genero rivolto, che tuttavia le bellezze de la moglie andava lodando, cosi disse: — Duca d'Orliens, voi certamente dite il vero e mi piace molto che conosciate le vertù di mia figliuola, vostra moglie. Ma a tante lode quante voi le date, io voglio che una altra volta quando perfettamente la vorrete lodare, voi le diate un' altra eccellentissima lode che data non le avete, assicurandovi che voi direte la pura verità. E questa è che mia figliuola di madre onestissima e pudicissima nacque. — Il duca, udita questa parola, tutto nel viso arrossi, ed abbassati gli occhi a terra, più non parlò, perciò che publica fama c chiaro grido era che la madre del duca mentre visse era stata poco pudica ed onesta del suo corpo. La quale era stata figliuola del duca di Cleves. Certamente il detto fu mor¬ dacissimo; nondimeno fu gentilmente usato a luogo e tempo, e non parve che si fosse ito a posta a cercare.