Novelle (Bandello, 1910)/Parte IV/Novella II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Novella II - Uno si finge esser Baldoino conte di Fiandra e imperadore di Costantinopoli, che diciotto anni innanzi in Oriente era morto. Suscitò questo falso Baldoino gran rumori in Annonia, provincia che fu del vero Baldoino. Ma alla fine per un truffatore fu dalla contessa del paese fatto pubblicamente impiccare

../Novella I ../Novella III IncludiIntestazione 30 settembre 2017 25% Da definire

Novella II - Uno si finge esser Baldoino conte di Fiandra e imperadore di Costantinopoli, che diciotto anni innanzi in Oriente era morto. Suscitò questo falso Baldoino gran rumori in Annonia, provincia che fu del vero Baldoino. Ma alla fine per un truffatore fu dalla contessa del paese fatto pubblicamente impiccare
Parte IV - Novella I Parte IV - Novella III
[p. 89 modifica]

IL BANDELLO

al magnifico e valoroso cavaliere

il signor

aloise gonzaga

salute


Quanti errori e strabocchevoli scandali provengono da la ignoranzia di quelli sacerdoti che odeno le confessioni sacramentali de li penitenti, che almeno la quadragesima si vanno a confessare, tante volte si è veduto che superfluo mi pare di farne piú longo sermone. E in vero non si deverebbe cosí di liggiero permettere la udienza de le confessioni a ogni sacerdote, sia prete o frate, se non si conosce scienziato almeno in quelle cose che appertengono a la cura de le anime, essendo questo ufficio di tanta importanza quanta si può considerare. Se l’uomo è infermo, cerca a la cura del corpo avere il piú eccellente medico che si trovi. Ma quanti ce ne sono che, mortalemente infermi de l’anima, vorrebbero, quando se confessano, trovar uno sacerdote che fosse cieco e sordo e anco ignorante, acciò che da peccato a peccato non facesse differenza, ma del tutto assolvesse, come se tale assoluzione fosse valida, che non assoluzione ma dannazione eterna de l’uno e l’altro si deve chiamare. Di questi ignoranti e temerari sacerdoti ragionandosi questi di a Diporto ne l’amenissimo giardino di madama Isabella marchesa di Mantova, ove anco voi eravate e molti altri signori e gentiluomini, si parlò di quello religioso che assolse uno suo figliuolo spirituale da una scommunica papale, e non sapeva il misero ciò che si fossen né casi né scommuniche. Di questo voi sapete ciò che io ne dissi a l’illustrissimo signor marchese, quando insieme con voi, con messer Tomaso degli Strozzi [p. 90 modifica]90 PARTE QUARTA e messer Alberto Cavriana andassemo al palazzo di San Ba¬ stiano a parlarli. Devete anco ricordarvi tutto quello che io nel detto luogo del giardino ne discorsi a madama, e del ga- stigo che meritava quello buffatone. Ora, poi che io mi tacqui, il nostro gentilissimo messer Benedetto Capi di Lupo e di essa ma¬ dama segretario, a proposito di quanto si diceva, narrò una piacevole novella, che a tutti sommamente piacque e alquanto ridere ci fece. Onde madama, a me rivolta, mi disse: — Ban- dello, questa istoria è una di quelle che non ¡starà male tra cotante che tu a la giornata scrivi. — II perché io le promisi di scriverla. Ora, mettendo insieme esse mie novelle e venutami questa a le mani, ho voluto che sotto il vostro nome ella esca fore e resti testimonio appo tutti de l’amore che mi portate e de l'osservanza mia verso voi, che per tante vostre doti vi amo e onoro. Vi prego poi che essa novella facciate vedere a li ma¬ gnifici vostri fratelli, che io come miei signori riverisco, il si¬ gnor Francesco e signor Augustino. Che nostro signore Dio tutti lungamente vi conservi e vi doni quanto desiderate. State sano. NOVELLA II (III) Uno cortegiano va a confessarsi e dice che ha avuto volontà di ancidere uno uomo, ben che effetto nessuno non sia seguito. Il buono frate, che era ignorante, noi vuole assolvere, dicendo che « voluntas prò facto reputatur » e che bisogna avere l’au¬ torità del vescovo di Ferrara. Su questo una beffa che al frate è fatta. Si come detto si è, degni di acerbissima punizione sono co¬ loro li quali odeno le confessioni di questi e quelli e non sono atti a saper giudicare la gravezza e la differenza de li peccati, e non hanno cognizione de le scommuniche cosi episcopali come del sommo pontefice, e de la ragione canonica e de li casi che molto spesso accadeno. Però se talora vien loro alcuna beffa fatta, pare che ciascuno se ne allegri. Onde a proposito di questo mi piace narrarvi una alta beffa fatta da uno galante uomo a uno de questi ignoranti frati. Udite come avenne il caso. Suole essere communemente consuetudine che dopo la pasqua de la resurrezione li compagni dimandano l’uno a l’altro [p. 91 modifica]NOVELLA II (ili) 91 che penitenzia il padre spirituale gli ha data, se interroga bene, se è rigido o piacevole, e altre simili cose. Ora, essendo al tempo del marchese Nicolò da Este, vostro onorato avolo paterno, in Ferrara uno camariere di esso marchese ito a confessarsi col guardiano di San Francesco, tra l’altre cose che si confessò li disse che era perseverato cerca sei mesi con volontà deter¬ minata di ammazzare uno suo nemico, ma che mai non gli era venuto fatto di poterlo uccidere; e che poi, malcontento di questo peccato, si era pentito e perdonategli ogni ingiuria. Il guardiano, che era poco dotto, udendo questo, il reputò uno gravissimo peccato, e li disse: — Ahi! figliuolo mio, come ti sei tu lasciato incorrere in cosi enorme e nefando peccato? Sappia che io non ti posso assolvere. E' ti converrà andare a parlare a monsignore lo nostro vescovo, perché il caso è riservato a lui. — Voi non mi avete, padre mio, bene inteso, perché io non dico averlo ammazzato, anzi mi sono repacificato seco, ben che avessi avuta volontà di ucciderlo. — Soggiunse il guardiano: — Io ti ho pure troppo inteso, ma tu quello sei che non la intendi. Se tu avessi studiato come io già feci a Bologna, ove parecchi anni diedi opera agli studi civili e di ragione canonica, tu averesti impa¬ rato una gran sentenzia, la quale dice che « voluntas prò facto reputatili■ ». Si che va' a trovare il vicario de monsignor lo ve¬ scovo, che è gran dottore canonista, e pregalo che ti assolva, che degli altri peccati poi io ti assolverò. — Partisse il came¬ riere molto di mala voglia; e parendoli pure che fosse gran differenza da l'avere voluto fare una cosa e non l’avere messa in opera, a quella che oltre averla voluta si è fatta e mandata ad essecuzione, non volse altrimenti andar a parlare al vicario, ma andò a trovare uno altro religioso, che era in Ferrara in grande openione di dottrina e di buona vita. Conferito il caso con questo, conobbe l’error in che era il guardiano, e che a Bologna deveva avere studiato la buccolica insieme con la maccaronea. Disse egli questa cosa a la presenza di molti, tra li quali vi era il piacevole Gonnella, che tutti devete avere sentito ricor¬ dare per uomo festevole e di gioconda conversazione. Udendo questo caso, il buono Gonnella, rivoltatosi verso il cameriere, [p. 92 modifica]92 PARTE QUARTA li disse: — Veramente questo tuo frate deve avere studiato altro che scienzia canonica. Che li venga il gavocciolo, ignorante che egli è ! essendo tanto ignorante che non sappia conoscere quanto sia differente la semplice volontà non messa in effetto, da quella volontà che con l’opera esteriore si è compita. — Si divolgò la cosa e pervenne a le orecchie del marchese, il quale disse al Gonnella: — Che ti pare, compar Gonnella, di questo frate ignorantone? Oh come li sarebbe bene inve¬ stita che una burla li fosse fatta, di quelle che si attac¬ cano al badile! — Notò il Gonnella il parlar del signor mar¬ chese e cominciò tra sé a pensare che cosa potrebbe fare affine che il frate rimanesse col danno e con le beffe. Onde, avendo ne l’animo suo imaginatosi ciò che deliberava fare, il tutto communicò al marchese; il che sommamente a esso mar¬ chese piacque. Dato adunque ordine al tutto, una mattina si vesti di modo che pareva uno prencipe, e onoratamente accom¬ pagnato andò a la messa a la chiesa di San Francesco. Ora devete sapere che esso Gonnella avea in sé molte parti che il rendevano mirabilmente meraviglioso; e tra l’altre, ogni volta che voleva, in uno batter di occhio sapeva cosi mastramente trasformar le fattezze del volto che uomo del mondo non ci era che lo conoscesse, e in quella trasformazione saria durato tutto uno giorno. Parlava poi ogni linguaggio di tutte le città di Italia si naturalemente, come se in quelli luoghi fosse nasciuto e stato da fanciullo nodrito. Avea egli fatto per buona via in¬ tendere al guardiano che il prencipe di Bissignano era in Fer¬ rara per andare a Milano al duca Filippo Vesconte, mandato da Alfonso di Ragona per affari importantissimi. Essendo adun¬ que a la messa, uno segretario del marchese fece chiamare il guardiano e li disse come il signore suo l’avea mandato ad accompagnare il prence di Bissignano, barone de li primi nel regno di Napoli, e che detto prence voleva, finita la messa, parlare seco. Il buon guardiano, udendo questo, prese quattro o cinque frati de li più vecchi del convento e, trovato che la messa era quasi finita, attese il fine. Era il Gonnella vestito di ricchissime vestimenta, di quelle del marchese, con una gran [p. 93 modifica]NOVELLA II (ili) 93 catena di oro al collo, e se ne stava con mirabile gravità leg¬ gendo l’officio de la beatissima Vergine Maria. Come la messa fu finita, tutti quelli gentiluomini e tutti li cortegiani che accom¬ pagnavano il prencipe, non più Gonnella, molto riverentemente con le berrette in mano se gli inchinarono dandogli il buono giorno, come si costuma. Se gli accostò il guardiano, e salu¬ tandolo li disse che fosse il ben venuto. Egli cortesemente il saluto li rese; poi li disse, udendolo tutti coloro che seco era¬ no: — Padre molto riverendo, io sono sempre stato grande¬ mente divoto e affezionato di questa tua santissima religione, come è tutta la casa de li signori e prencipi Sanseverini miei avoli, e aveino tutte le sepolture nostre ne le chiese de lo tuo sacro ordine. E perché io per l’ordinario soglio far celebrare ogni anno quattro anniversari con l'officio e la messa de li morti, e dimane è il giorno di uno, ancora che sia certo che a 10 prencipato mio nel Regno non mancheranno di farlo fare, nondimeno per maggiore mio contento io ti prego che domat¬ tina facci cantar solennemente il vespro, e cosi il mattutino con le nove lezioni, e la messa de li morti. Io ci verrò a udire il tutto e ti farò una elemosina conveniente al grado mio. — 11 guardiano lo ringraziò dicendoli che il tutto si faria, e che di più farebbe che tutti li frati direbbero la messa de li morti. Allora il contrafatto prence chiamò a Sé il suo maggiordomo e gl'impose che parlasse col padre guardiano e facesse quanto di ordine suo sapeva: che venti ducati, e di più per le private messe dieci ducati, desse. E poi con la compagnia si parti. Ri¬ mase il maggiordomo e al guardiano dimandò quanti frati aveva. E inteso il numero, li disse: — Padre mio, il prence mio si¬ gnore mi ha ordinato stamane che io ti faccia apprestare uno buono disinare, come è l’usanza sua sempre di fare in questi suoi anniversari. E' ci saranno tutte quelle vivande che in questa città si troveranno, di modo che tu con tutti li tuoi religiosi averai uno disinare da prencipe. Io farò apprestare in corte il tutto e, come sia finito domattina l’officio, manderai meco il tuo procuratore, al quale consignerò il tutto, e li darò anco in compagnia servitori che aiuteranno a portare la vivanda, che [p. 94 modifica]94 PARTE QUARTA si recherà tutta in vasi de ariento, che sono di quelli del si¬ gnore marchese. Io verrò di brigata per fare riportare in¬ dietro tutto il vasellamento, per apparecchiare il disnare al prencipe mio signore, perché egli suole ordinariamente di- sinare tardi, e vorrà, dopo uditi li divini uffici, per fare eser¬ cizio, caminare buona pezza per la città a piede. Porterò anco venti ducati di oro in oro, per l’ordinario che suole per elemosina dare il mio signore in questi anniversari, e diece altri ducati di più per le messe basse che ti sei offerto di fare celebrare a li tuoi religiosi, e il tutto ti consignerò. — Rimase il guardiano molto lieto, e ogni cosa a lui detta narrò a li suoi frati, li quali tutti insieme aspettavano con indicibile desiderio la grossa elemosina e la grassa pietanza che speravano il se¬ guente giorno. Onde il buono guardiano, venuto il giorno, non fece provedere cosa alcuna per lo desinare de li frati, atten¬ dendo pure la venuta del prencipe agli offici, e fece apprestare ciò che era bisogno, e volle egli, per più solennità, essere colui che cantasse la messa. Il simulato prence, sapendo come lo ufficio anderebbe alquanto lungo, insieme con quelli che seco deveano andare per accompagnarlo a la chiesa, con marza¬ pani, pignocata, pistacchea e altri confetti si confortarono, e bevettero di preziosa malvagia, chi moscatella e chi garba, che dicono purgare le flemme e còlere de lo stomaco, secondo che loro più aggradiva. Parendogli adunque assai commodamente potere aspettare il tardo disinare, si inviarono verso la chiesa del santo serafico e trovarono il tutto a l’ordine. Fece il fìnto prencipe col guardiano la scusa se cosi tardi era venuto, perché gli era stato bisogno ¡spedire uno servitore in diligenzia al suo re a Napoli per cose di grandissima importanza. Indi si comin¬ ciò a cantare molto solennemente l’ufficio, che durò pure assai. Come fu finito, il simulato prence con belle parole ringraziò il guardiano e disse al suo maggiordomo che provedesse subito al pranso de li frati e a la elemosina, che ordinata già gli aveva di devere dare loro. Egli rispose che il tutto era presto. E cosi il prencipe se ne andò verso il palagio marchionale con la sua compagnia, tanto di buona voglia quanto dir si possa, parendogli [p. 95 modifica]NOVELLA II (ili) 95 una ora mille anni che trovasse il marchese Nicolò e lo fa¬ cesse uno poco ridere de la beffa fatta al guardiano e a li frati. Partito che egli fu, il maggiordomo fece che il guardiano li diede il procuratore del convento con uno altro frate in com¬ pagnia, e passo passo si inviò verso corte, e parca proprio che avesse la gotta a li piedi, cosi lentamente andava. Giunto che fu in corte, condusse li frati in una camera, dicendo loro che aspettassero quivi, perché in quello luoco farebbe recare tutta la apparecchiata vivanda. Restarono li frati in quella camera, non se ne accorgendo, di modo fermati che a patto veruno non ne potevano uscire, e meno non vi poteva persona alcuna in- trare. Cosi rinchiusi, stettero buona pezza senza accorgersi che ci fosse inganno nessuno. Ma veggendo che la manna dal cielo non pioveva, cominciavano a dubitare, né sapevano di che. 11 guardiano, non avendo fatto fare provisione alcuna per lo de¬ sinare de li frati, attendeva pure la venuta de le promesse vi¬ vande, che non comparivano. E più e più volte se ne andò a la porta del monastero, per vedere se tornava il suo procuratore. Ma non veggendo che alcuno venisse e l’ora del desinare essendo di buona pezza già passata, non sapeva che si pensare, e tuttavia indarno aspettava. Li frati altresi, che nulla avevano mangiato, stavano molto di mala voglia. Fra questo mezzo, poi che il Gonnella, non più prencipe, ebbe narrato al marchese la so¬ lennità de li cantati offici, andò con li suoi compagni; e gioio¬ samente desinato che si fu, ritornò dove era il marchese. Colà fece menare li dui frati, che sempre ne la camera erano stati rinchiusi, e disse loro: — Padri miei, voi direte al vostro guar¬ diano come io avea buona e determinata volontà di dargli uno grasso e abondante disinare, e che pensi bene ciò che egli disse la quaresma passata a uno de li camerieri del signor nostro, che non volle assolvere «quìa voluntas prò facto reputa tur ». Io adunque tengo per fermo di avere intieramente a la pro¬ messa mia sodisfatto. Vada, vada a studiare, e impari meglio udire le altrui confessioni; ché se io in questo ho peccato, lo errore è da essere imputato a lui. — Il marchese disse che certo il Gonnella avea saviamente parlato. Partirono li frati [p. 96 modifica]96 PARTE QUARTA e il tutto riferirono al guardiano e agli altri frati, li quali, pieni di còlerà, in tanta furia salirono che poco mancò che di brama di fame non manicassero il guardiano, tanto più sapendo il Gon¬ nella essere stato quello che gli aveva beffati. Ma bisognò che mettessero giù l’ira e mangiassero del pane e del formaggio, tuttavia mormorando.