O tu Amor che m'hai fatto martire

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura O tu Amor che m’hai fatto martire Intestazione 16 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 96 modifica]

     O tu Amor che m’hai fatto martìre,
Per la tua fè, di languore e di pianto,
Dammi, per dio, della tua gioia alquanto,
Ch’io possa un poco del tuo ben sentire:
     5E se ti piace pur lo mio languire,
Morir mi farà poi certo cotanto,
Facendomi tornar sotto l’ammanto
Ove poi piagnerò pene e gioire.
     Uom che non vide mai ben nè sentìo
10Crede che ’l mal sia così naturale,
Però gli è più leggier: e così è ’l mio:
     Quella è la via di conducermi a tale
Ch’i’ senta ’l mal secondo ch’egli è rio,
Provando ’l suo contrario quanto vale.