Odi e inni/Inni/Pace!

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Ad Antonio Fratti

../Manlio IncludiIntestazione 18 giugno 2012 100% Da definire

Inni - Ad Antonio Fratti Inni - Manlio
[p. 107 modifica]

PACE!


I


Fratelli, venite, v’imploro,
venite nel funebre chiuso.
L’udite d’un rauco lavoro
4l’anelito vasto e confuso?...
Becchini che scavano... E rossa
la luce di fiaccole ch’erra
nell’ombra; e ben grande è la fossa
8che s’apre annerando sotterra;
ben molti son là su le bare,
là muti tra il rauco anelare,
che aspettano, in fila... Ribelli?
12Guardate, o fratelli!

Cosi pazïenti là, sopra
le bare! che aspettano muti
di scendere, al fin di quell’opra,
16là dove non sieno veduti
mai più! Come forti le braccia
pur ieri, come acri i ginocchi!
Ma ieri era in lor la minaccia
20tra i denti, la guerra negli occhi,
più nulla nei cuori, più nulla!
nemmeno la povera culla,

[p. 108 modifica]

gemente lontano... Ribelli?
24Guardate, o fratelli!

Dietro le palpebre, all’ombra,
dormono gli occhi, che ingombra
     l’oblìo, che stupisce il mistero;
28ma sul pallore del viso
vigila un fioco sorriso
     qual lampada in un cimitero;
ma dalla fila pugnace,
32ma dai ribelli (oh! ribelli! )
s’alza un bisbiglio, ch’è grido!
     Fratelli!
una parola sorridono:
     36pace!


ii


Chi spira nei giovani fieri
quel soffio di voce sì pia?
nel tremulo vecchio che ieri...
40cessò di tremare per via?
nell’umile donna che ancora...
l’aspettano i figli col pane?
nei bimbi... destàti all’aurora
44da suon di mortai, di campane,
da grida di festa?... Chi spira,
fratelli, a quel pianto, a quell’ira,
quel grido sì fievole e forte?
48Fratelli, la Morte.

[p. 109 modifica]


È fremito pallido e grave
sì come il sussurro soletto
di suora che mormori l’Ave-
52marie presso un tacito letto;
è romba d’ignote campane
che cullano il mondo che dorme,
lontane nell’aria e sì piane
56che appena vi lasciano l’orme;
un impazïente nitrito
che trema nel cielo infinito;
un urlo improvviso alle porte,
60la voce tua, Morte!

Ella, o da presso ci parli
col rodìo lieve de’ tarli
     notturni, o col bronzo dal cielo;
64dice: «O mortali! mortali!
ch’al ventilare dell’ali
     mie, rabbrividite di gelo:
ciò che un istante in me tace,
68tace per sempre. In cammino
per la caligine sola,
     Caino,
tu non l’udrai la parola
     72di pace


iii


mai più!» Così dice sommessa,
ma udita: da lei chi lontano?
non vista... Oh! vedetela! è dessa
76che brilla su l’ermo vulcano,

[p. 110 modifica]

che il cielo coi fulmini accende,
che rode all’abisso i pilastri,
che mugge nei mari, che pende
80lassù taciturna dagli astri...
Lasciate alla Morte la guerra!
Voi, dite su l’umile terra:
«S’io pur fui cattivo, sii buono
84tu dunque! perdono!»

Lasciate alla Morte la messe
degli uomini! O popolo umano,
nei campi che il fato ti elesse,
88tu mieti pensoso il tuo grano!
Non sangue, non lagrime! Il sangue
lasciatelo nelle sue vene!
Schiudete la carcere esangue,
92sciogliete le ignave catene!
Lasciate la morte alla Morte!
Voi stando su l’orride porte
gridate: «Tu sei ciò ch’io sono!
96fratello, io perdono!»

Astro del fato, cometa
ch’erri nell’ombra inquieta
     cercando la fragile terra,
100astro, l’arrivi, e pur, muto
senti che n’esce l’acuto
     bramire degli uomini in guerra:
passi in un attimo, o face
104dell’infinito; sei lunge;
quando nei ceruli spazi
     ti giunge
l’ululo d’odi non sazi:
     108poi... pace!