Ogni pensier, ch'i' ho 'n te, se dispera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Ogni pensier, ch'i' ho 'n te, se dispera Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Le toi promesse me vegnon sí in ordo Signor, tanto me piacquer tuoi salute
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 7 modifica]

XII

Si croccia per la crudeltá, che gli è usata.

Ogni pensier, ch’i’ ho ’n te, se dispera,
poi che con crudeltá te se’ compliso;
Eddio a tal gente non dá paradiso,
4ance i descaccia: e questa è cosa vera.
Se ben racordi il salutar di sera,
me rispondeste: — Or va’, che tu sie ucciso! —
Sempre col fin de tuoe parole un riso
8t’uscia di bocca con allegra cera.
Ond’io, mirando a voi, foi si contento,
che non m’increbber le villan’parole;
11nii rischiaraste, come l’aer el vento
fa, se da nuvoli è coverto el sole;
si ch’io di tal disio ognor mi pento,
14poi ch’ascaran se’ fatto e ’l cor m’invole.
Ma quel signore Amor, ch’amar mi trasse,
non vuol ch’io retro ritorne coi passe.