Le toi promesse me vegnon sí in ordo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cecco Nuccoli

Aldo Francesco Massera XIII secolo Indice:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu sonetti Le toi promesse me vegnon sí in ordo Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

Ramo fiorito, el di, ch'io non ti veggio Ogni pensier, ch'i' ho 'n te, se dispera
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XXII. Ser Cecco Nuccoli
[p. 6 modifica]

XI

Supplica l’amato che lo soccorra.

Le toi promesse me vegnon si in ordo
colle tuoi volte, che n’hai piú, che golpe;
né mi posso scudar dai mortai colpe,
4ch’Amor mi tra, per ch’io di te fui ’ngordo.
Ond’io ti prego, e questo ti ricordo,
che tu almen facce si, che tu ti scolpe:
ch’io sento l’alma che lascia le polpe
8fredde per doglia, ond’io le man mi mordo.
Però ti prego, signor, che soccurghe
con la tua medicina e Vienne a capo,
11poi che tal mal convien per te si purghe,

[p. 7 modifica]

se non ch’en quisto mondo piú non capo;
e giá mi renderia a Morte vinto
14senza ’l tuo viso, ch’i’ ho nel cor pinto.
Vanne, sonetto, tosto e rieca ’l pasto,
prima ch’io sia da Morte al tutto guasto.