Or sei salito, caro signor mio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Boccaccio

XIV secolo Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Or sei salito, caro signor mio Intestazione 5 luglio 2020 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Giovanni Boccacci


[p. 301 modifica]

     Or sei salito, caro signor mio,
Nel regno al qual salire ancora aspetta
Ogn’anima da Dio a quello eletta
4Nel suo partir di questo mondo rio:
     Or se’ colà dove spesso il desìo
Ti tirò già per veder Lauretta;
Or sei dove la mia bella Fiammetta
8Siede con lei nel cospetto di Dio;
     Or con Sennuccio e con Cino e con Dante
Vivi sicuro d’eterno riposo,
11Mirando cose da noi non intese.
     Deh!, se a grado ti fui nel mondo errante,
Tirami drieto a te, dove gioioso
14Veggia colei che pria d’amor mi accese.