Pagina:Castiglione - Il libro del Cortegiano.djvu/350

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
334 annotazioni.


Pag. 145, lin. 36. — Santo Ermo, certo fuoco fatuo che apparisce in su le antenne delle navi dopo le tempeste, ed è segno di tranquillità. Gaetano Volpi.

Pag. 144, lin. 22. — Tolto da quello che Fabio Massimo disse di Marco Livio, che aveva lasciato occupare dai Cartaginesi Taranto, ma che, avendo conservata e difesa la ròcca, si vantava che Taranto era stato recuperato per opera sua: Fateri se, opera Livii Tarentum receptum....; neque enim recipiundum fuisset, nisi amissum foret. Livii, Histor. XXVII, xxv.

Pag. 147, lin. 8.con quell’occhio. Le Aldine degli anni 1528, 1533, 1545, con quello occhio.

Pag. 147, lin. 24. — Lo scherzo nasce dal dividere in due la parola damasco.

Pag. 148, lin. 12.maestro Stalla. Così le Aldine ed altre antiche; il Dolce e le edizioni posteriori maestro di stalla, lezione priva di sale e di senso.

Pag. 148, lin. 27.se gli dice. Così corresse il Dolce; le Aldine si gli dice.

Pag. 150, lin. 20.con minaccia. Le Aldine degli anni 1528, 1533, 1545, con minaccie.

Pag. 150, lin. 23.escano. Così le Aldine degli anni 1528, 1533, 1545; le altre escono.

Pag. 151, lin. 3.incrudiscono. Male le Aldine degli anni 1538, 1541, 1547, incrudeliscono; lezione conservata anche dal Dolce.

Pag. 151, lin. 21, 22. — dei miseri. Le Aldine ed altre antiche di miseri.

Pag. 151, lin. 32. — A Montefiore era una magrissima osteria, ita in proverbio. Gaetano Volpi.

Pag. 153, lin. 4.di chi io intendo. Così l’edizione originale, e quella del 1545; l’Aldina del 1533 di ch’io intendo; onde quelle del 1538, 1541, 1547, di che io intendo.

Pag. 158, lin. 11. — Fu forse quel di San Giacomo; non essendocene altri che si possano circondare, ed essendo appunto dirimpetto ad esso una stradetta, che si chiama Scalfura. Gaetano Volpi.

Pag. 158, lin. 32.tenea lo spago. Le Aldine degli anni 1538, 1541, 1547, tenea o teneva il spago, che forse è la vera scrittura dell’Autore.

Pag. 159, lin. 26. — Notisi la voce calunnia, per imputazione maligna, ancorché vera.