Pagina:Sopra lo amore.djvu/166

Da Wikisource.
160 marsilio ficino
Cap. XVII — Quale comparazione è tra la bellezza di Dio, angelo, anima e corpo ||
 pag. 122
Cap. XVIII — Come s’innalza l’anima da la bellezza del corpo a quella di Dio ||
 124
Cap. XIX — Come si debbe amare Dio ||
 128


Orazione VII.

Cap. I — Conclusione di tutte le cose dette, con la oppenione di Guido Cavalcanti filosofo ||
 129
Cap. II — Che Socrate fu lo amante vero e fu simile a Cupidine ||
 131
Cap. III — De lo amore bestiale, e come è spezie di pazzia ||
 135
Cap. IV — Che lo amore vulgare è male d’occhio ||
 136
Cap. V — Come facilmente si innamora ||
 140
Cap. VI — De lo strano effetto dello amore vulgare ||
 142
Cap. VIII — Come può lo amante diventare simile allo amato ||
 143
Cap. IX — Quali sono le persone che innamorare ci fanno ||
 144
Cap. X — Del modo dell’innamorare ||
 145
Cap. XI — Del modo di sciorsi da lo amore vulgare ||
 146
Cap. XII — Del danno dello amore vulgare ||
 148
Cap. XIII — De lo amore divino, e quanto è utile, e di quattro spezie di furori divini ||
 148
Cap. XIV — Per quali gradi i furori divini innalzino l’anima ||
 150
Cap. XV — Di tutti i furori divini lo amore è il più nobile ||
 152
Cap. XVI — Quanto è utile il vero amatore ||
 153
Cap. XVII — In che modo si debbe rendere grazia a lo spirito santo che ci ha illuminati e accesi a disputare di amore ||
 155