Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2277

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2277

../2276 ../2278 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2276 2278

[p. 144 modifica] Vedi anche il Glossario (23 dicembre 1821).


*    Alla p. 1107, fine - e vedi offensus, massime nel principio e nel fine, sul quale proposito vedi gl’interpreti di Orazio, Epod., XV, vers. 15. Vedi p. 2291 e 2299, fine.


*    Alla p. 2141, fine. Il greco ἅπτω è tutt’un verbo col latino apto. Questo deriva manifestamente da un apo. E questo apo non è greco, ma latino. E quando anche si volesse supporre o si potesse trovare un apo nell’antico greco, il greco ἅπτω non avrebbe potuto esserne formato per le ragioni dette di sopra. Dunque l’apto latino non può derivar dal greco, e l’ἅπτω greco, essendo evidentemente lo stesso verbo, non par che possa essere stato preso altronde che dal Lazio (23 dicembre 1821).


*    Alla p. 2079, principio. I verbi latini semplici derivarono certo, almeno per la massima parte, dai nomi: antichissimamente