Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2626

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2626

../2625 ../2627 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

2625 2627

[p. 342 modifica] [p. 343 modifica]non consideravano queste come loro simili, e quindi non attribuivano loro nessun diritto, né si stimavano obbligate ad esercitar cogli esteri la giustizia distributiva ec., se non in certi casi, convenuti generalmente per necessità, come dire l’osservazion de’ trattati, l’inviolabilità degli araldi ec., cose tutte la ragion delle quali appoggiavano favolosamente alla religione, come quelle che da una parte erano necessarie volendo vivere in società, dall’altra non avevano alcun fondamento nella pretesa legge naturale. Quindi gli araldi amici e diletti di Giove presso Omero ec., quindi il violare i trattati era farsi nemici gli Dei (vedi Senofonte in Agesilao) ec. Ho citato l’Epitafios attribuito a Demostene per provare che questa falsa ma naturale idea della superiorità loro ec. ec. sulle altre nazioni, la confermavano