Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3105

../3104 ../3106 IncludiIntestazione 4 dicembre 2016 100% Saggi

3104 3106

[p. 186 modifica] la sua [p. 187 modifica]nazione e un Eroe della medesima, e ciò in una guerra contro i barbari? Il che tra gli antichi sarebbe stato tanto piú assurdo che tra i moderni, quando anche le lodi e l’interesse del poema fossero stati tutti per li greci, e quando anche, fingendoli sventurati, Omero avesse mosso le lagrime e i singhiozzi sopra le loro sciagure, sarebbe tuttavia riuscito assurdo di maniera, che sarebbe eziandio stato pericoloso al poeta. Frinico ateniese, gran tempo dopo Omero, fece suggetto di una tragedia la presa di Mileto fatta da Dario, e mosse gli uditori a pietà sopra quella sciagura dei greci per modo, che, secondo l’espressione di Longino (sect. 24) tutto il teatro si sciolse in lagrime. Gli Ateniesi lo multarono in mille dramme (Plutarco, Politic. praecept., Strabo , l. XIV, Schol. Aristoph., vesp.), perch’egli avea rinfrescato la memoria delle domestiche calamità e ripostele sotto gli occhi rappresentandole al vivo, (Herodot., l. VI, c. 21);