Pensieri e discorsi/La ginestra/X

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../IX

../XI IncludiIntestazione 4 settembre 2012 100% Da definire

La ginestra - IX La ginestra - XI
[p. 101 modifica]

X.


Il poeta mette gli uomini tra la tenebra, tò scótos, e la luce, tò phôs. Essi hanno preferito tò scótos.

“E gli uomini amarono meglio la tenebra che la luce„. Quale è la luce? la sinistra fiaccola che gira nel palazzo vuoto? il baglior della lava? Certo è la verità, e la verità discopre per il Leopardi, la rovina e la morte, la morte totale ed eterna; come quel bagliore,

Che di lontan per l’ombre
Rosseggia e i lochi intorno intorno tinge,

non rivela che macerie, nell’orrore della notte, e vacui teatri e templi deformi e rotte case, uno scheletro di città; rivela che tutto è in balia del caso, che non esiste legge di progresso, che aspra è la nostra sorte e depresso il loco, e tutto passa e tutto muore.

La vita umana è un deserto su cui domina la minaccia eterna dello sterminio. Questo è tò phôs. Ma l’uomo alla luce rivolge il tergo vigliaccamente; gli piace d’illudersi, sogna progresso, libertà, civiltà, grandezza, provvidenza, eternità. Superbe fole! che già cominciate a distruggere, tornano ora a rifiorire. L’uomo ha paura della morte e pargoleggiando si dà a credere di essere immortale. Questo dice l’ultima voce del poeta; e fin qui si può dire che si ripeta. Si può anzi domandargli: — E perchè invidiare la soave illusione a’ tuoi simili, o Tristano? Perchè chiamare, in certo modo, vigliacco il povero bambino che teme del buio? che utile c’è nel confermargli la sua paura? nello accrescergliela? Egli è adunque al [p. 102 modifica]buio, il povero bambino, ma pensa: Di là c’è mamma che ha il lume acceso o lo accenderà a una mia chiamata. No: tu suggerisci al tuo cuore: no, no: non è tua madre, e non è là col lume acceso o da accendersi a un tuo lamento: è la matrigna, matrigna in volere se anche madre in parto; ed è uscita, perchè non si cura di tuo bene o di tuo male, e pensa a tutt’altro. Trema, piangi e dispera: il buio è infinito. L’alba non verrà mai. Quando canterà il gallo, tu ti leverai per adagiarti nella sepoltura. —

O poeta, è questa l’ultima tua parola?