Per il bombardamento di Genova

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Battista Pastorini

XVII secolo P Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Poesie Per il bombardamento di Genova Intestazione 19 marzo 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 322 modifica]

GENOVA mia, se con asciutto ciglio
Piagato e guasto il tuo bel corpo io miro,
     Non è poca pietà d’ingrato figlio,
     Ma ribello mi sembra ogni sospiro.
La maestà di tue ruine ammiro,
     Trofei della costanza e del consiglio:
     Ovunque io volgo i passi o il guardo giro
     Incontro il tuo valor nel tuo periglio.
Più val d’ogni vittoria un bel soffrire;
     E contr’ai fieri alta vendetta fai
     Col vederti distrutta, e nol sentire:
Anzi girar la Libertà mirai
     E baciar lieta ogni ruina, e dire:
     ‘Ruine sì, ma servitù non mai.’