Più volte un bel desio di farmi eterno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gabriele Fiamma

XVI secolo P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Più volte un bel desio di farmi eterno Intestazione 27 dicembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Gabriele Fiamma


[p. 164 modifica]

I1


Più volte un bel desìo di farmi eterno,
     E di lasciar di me non bassi esempi
     M’ha scorso a dir ne più famosi tempi
     Le voglie e l’opre del gran re superno:
5Come purgar convien l’affetto interno,
     E fuggir sempre gli atti ingiusti ed empi
     Mostra sovente, e come l’uom de’ tempi
     Possa l’ira e l’orgoglio aver a scherno,
Or a cantar del sommo Amor m’invoglia,
     10E m’accende un ardor vivo e possente,
     Ch’ogni altra cura dentro al cor mi sgombra.
Signor, se da te vien l’accesa voglia,
     Del suo spirto divin m’empi la mente,
     E di santo furor tutta l’ingombra.

Note

  1. A Dio.