Piccolo mondo antico/Parte seconda/Il segreto del vento e dei noci

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parte seconda - Il segreto del vento e dei noci

../Con gli artigli ../L'asso di danari spunta IncludiIntestazione 26 novembre 2013 100% Romanzi

Parte seconda - Con gli artigli Parte seconda - L'asso di danari spunta


[p. 239 modifica]

Piccolo Mondo Antico 21.jpg




CAPITOLO V.


Il segreto del vento e dei noci.



La febbre di Maria non durò che otto giorni, eppure quando la piccina si alzò i suoi genitori la trovarono mutata nel viso e nello spirito più che se gli otto giorni fossero stati otto mesi. Gli occhi avevan preso un colore più oscuro, una singolare espressione di serietà e di maturità precoce. Parlava più chiaro e spedito, ma con le persone che non le garbavano non parlava affatto; neanche le salutava. Ciò spiaceva più a Franco che a Luisa. Franco la voleva gentile e Luisa temeva di guastarle la sincerità. Maria aveva per sua madre un affetto non tanto espansivo ma violento; fiero, quasi, e geloso. Voleva molto bene anche a suo padre; però si capiva che lo sentiva diverso da sè. Franco aveva trasporti di passione per essa, l’afferrava [p. 240 modifica]all'impensata, la stringeva, la divorava di baci ed ella allora gittava il capo all’indietro puntando una manina sul viso di suo padre e guardandolo scura come se qualche cosa in lui le fosse straniero o ripugnante. Spesso Franco la sgridava con ira e Maria piangeva, lo fissava attraverso le lagrime senza muoversi, come affascinata, ancora con quella espressione di persona che non comprende. Egli vedeva la predilezione della bambina per sua madre e se ne compiaceva, gli pareva una preferenza giusta, non dubitava che Maria, più tardi, avrebbe teneramente amato anche lui. A Luisa dispiaceva molto, per amore del marito, che la bambina dimostrasse maggior affetto a lei, però questo sentimento suo non era vivo e schietto come la compiacenza generosa di Franco. A Luisa pareva in fondo che Franco, malgrado tanti trasporti, amasse sua figlia come un essere distinto da lui; mentre lei, che trasporti esteriori di tenerezza non ne aveva, amava la bambina come una parte vitale di sè stessa; perciò non poteva trovar ingiusto d’esserne preferita. Poi ell’aveva in cuore una Maria futura probabilmente diversa da quella che aveva in cuore Franco. Anche per questo non le poteva rincrescere di aver un predominio morale sulla figliuola. Vedeva il pericolo che Franco favorisse uno sviluppo troppo forte del sentimento religioso; pericolo gravissimo, secondo lei; perchè Maria, piena di curiosità, avida di racconti, aveva i germi d’un’immaginazione assai viva, assai propizia alle [p. 241 modifica]fantasie religiose e ne poteva venire uno squilibrio morale. Non si trattava di sopprimere il sentimento religioso; questo, Luisa non l’avrebbe fatto mai, non foss’altro per rispetto a Franco; ma occorreva che Maria, fatta donna, sapesse trovare il perno della propria vita in un senso morale sicuro e forte per sè, non appoggiato a credenze che finalmente erano ipotesi e opinioni, e potevano un giorno o l’altro mancarle. Serbar fede al Giusto, al Vero, fuor di qualsiasi altra fede, di qualsiasi speranza e paura, pareva a lei lo stato più sublime della coscienza umana. A una tale perfezione si figurava avere rinunciato per sè poichè andava a messa e due volte l’anno ai sacramenti, e intendeva rinunciarvi per Maria ma come uno che rinuncia alla perfezione cristiana perchè si trova aver moglie e figliuoli; a malincuore e il meno possibile.

A Maria poteva essere serbata in sorte la ricchezza. Bisognava impedire assolutamente che accettasse una vita di frivolezze, compensate dalla messa alla mattina, dal rosario alla sera e da elemosine. Luisa si era provata qualche volta di tastar Franco su questo terreno di dare all’educazione di Maria un indirizzo morale disgiunto dall’indirizzo religioso e il tasto aveva sempre risposto male. Che non si credesse nella religione Franco lo capiva; che qualcuno la potesse trovare insufficiente come norma della vita, gli riusciva affatto inconcepibile. Che tutti poi dovessero aspirare alla santità, che non fosse buon cristiano chi amasse il tarocco, la [p. 242 modifica]primiera, la caccia, la pesca, i buoni pranzetti e le bottiglie fini, neanche gli passava per il capo. E questo indirizzo morale dell’educazione disgiunto dall’indirizzo religioso gli pareva una fisima perchè secondo lui i galantuomini senza fede erano galantuomini per natura o per abitudine, non per un ragionamento morale o filosofico. Non c’era dunque modo per Luisa d’intendersi con suo marito circa questo delicato punto. Doveva operare da sè e con molta cautela per non offenderlo nè affliggerlo. Se Franco mostrava alla bambina le stelle e la luna, i fiori e le farfalle come opere mirabili di Dio e le faceva della poesia religiosa buona per una ragazza di dodici anni, Luisa taceva; se invece gli avveniva di dire a Maria: «Bada, Iddio non vuole che tu faccia questo, Iddio non vuole che tu faccia quello» Luisa soggiungeva subito: «questo è male, quello è male, non si deve mai far del male.» Qui però non poteva a meno di aprirsi qualche screzio visibile fra il padre e la madre perchè non sempre il giudizio morale dell’uno si accordava col giudizio morale dell’altro. Una volta erano insieme alla finestra della sala mentre Maria giuocava sul sagrato con una bambina di Oria presso a poco della sua età. Passa un fratello di questa, un prepotente di otto anni e intima alla sorellina di seguirlo. Questa rifiuta e piange. Maria, seria seria, affronta il prepotente con i pugni. Franco la trattiene con una chiamata imperiosa; la piccina si volta a guardarlo e scoppia in lagrime mentre quell’altro si trascina [p. 243 modifica]via la sua vittima. Luisa lasciò la finestra dicendo sottovoce a suo marito: «scusa, questo non è giusto. «Come, non è giusto?» Franco si riscaldò, alzò la voce, chiese a sua moglie se voleva una Maria violenta e manesca. Ella rispondeva con dolcezza e con fermezza, senza risentirsi di qualche parola pungente, sosteneva che il sentimento di Maria era buono, che opporsi alla prepotenza e all’ingiustizia era il compito migliore per tutti, che se un bambino vi adopera le mani, fatto adulto vi avrebbe adoperato mezzi più civili, ma che se si reprimeva in lui la espressione naturale dell’animo, si correva rischio di schiacciare con essa anche il buon sentimento nascente.

Franco non si persuase. Secondo lui era molto dubbio che in Maria vi fossero quei sentimenti eroici. Ella si era arrabbiata di vedersi portar via la sua compagna di gioco e niente altro. Ma poi, la parte della donna non era forse di opporre alle ingiustizie e alle prepotenze una dolcezza mansueta, di mitigare ed emendare gli offensori piuttosto che di respinger con la forza l’offesa? Luisa diventò rossa e rispose che ad alcune donne, forse alle migliori, questa parte conveniva ma che non poteva convenire a tutte perchè tutte non potevano essere tanto miti e umili. «E tu sei di quelle altre?» esclamò Franco.

«Credo di sì.»

«Bella cosa!»

«Ti rincresce molto?»

[p. 244 modifica]«Moltissimo.»

Luisa gli pose le mani sulle spalle. «Ti rincresce molto» diss’ella fissandolo negli occhi «che io m’irriti come te d’aver questi padroni in casa, che io desideri come te di aiutare anche con le mie mani a cacciarli via o preferiresti che io cercassi di emendare Radetzky e di mitigare i croati?»

«Questa è un’altra cosa!»

«Come un’altra cosa? No, è la stessa cosa!»

«È un’altra cosa!» ripetè Franco; e non seppe dimostrare che fosse un’altra cosa. Gli pareva di aver torto secondo un raziocinio superficiale e di avere ragione secondo una verità profonda che non riusciva ad afferrare. Non parlò più, fu pensieroso tutto quel giorno e si vedeva che cercava la sua risposta. Ci pensò anche la notte, gli parve di averla trovata e chiamò sua moglie che dormiva.

«Luisa?» diss’egli. «Luisa! Quella è un’altra cosa.

«Cosa è stato?» fece Luisa svegliandosi di soprassalto.

Egli aveva pensato che la offesa del dominio straniero non era personale come le offese private e che procedeva dalla violazione d’un principio di giustizia generale; ma nell’atto di spiegar ciò a sua moglie, gli venne in mente che anche nelle offese private aveva sempre luogo la violazione d’un principio di giustizia generale, si figurò di avere sbagliato.

«Niente» diss’egli.

[p. 245 modifica]Sua moglie credette che sognasse e, posatogli il capo sopra una spalla, si riaddormentò. Se vi erano argomenti capaci di convertire Franco alle idee di sua moglie, erano quel dolce contatto, quel dolce respiro vicino al suo petto, che gli aveva fatto tante altre volte deliziosamente sentire un reciproco abbandono delle anime. Ora non fu così. Gli passò anzi nel cervello, come una lama rapida e fredda, il pensiero che questo latente antagonismo fra le idee di sua moglie e le sue avesse un giorno o l’altro a scoppiare in qualche doloroso modo e se la strinse atterrito nelle braccia come per difender sè e lei contro i fantasmi della propria mente.


Piccolo Mondo Antico 00.jpg


Il sei novembre, dopo colazione, Franco prese le sue grosse forbici da giardiniere per fare il solito sterminio di seccumi nel giardinetto e sulla terrazza. Era un’ora di tanta bellezza, di tanta pace da stringere il cuore. Non una foglia che si movesse; purissima, cristallina l’aria da ponente, sfumanti a levante, dentro lievi vapori, le montagne fra Osteno e Porlezza; la casa sfolgorata dal sole e dai riverberi tremoli del lago; il sole assai caldo ma i grisantemi del giardinetto, gli ulivi, gli allori della costa più visibili fra il rosseggiar delle foglie caduche, certa segreta frescura dell’aria [p. 246 modifica]imbalsamata d’olea fragrans, il silenzio d’ogni vento, le aeree montagne del lago di Como bianche di neve accordantisi malinconicamente a dire che la cara stagione moriva. Sterminati i seccumi, Franco propose a sua moglie di andar in barca a Casarico per riportare all’amico Gilardoni i due primi volumi dei Mystéres du Peuple, divorati avidamente in pochi giorni, e averne il terzo. Fu deciso di partire a mezzogiorno, dopo aver posto a letto Maria. Ma prima che Maria fosse a letto comparve tutta ansante, col cappello e la mantiglia a sghimbescio, la Barborin Pasotti. Era salita dal cancello del giardinetto e si fermò sulla soglia della sala. Veniva per la prima volta dopo la perquisizione; vide i suoi amici, giunse le mani, ripetè sotto voce: «Ah Signor, ah Signor, ah Signor!» si precipitò su Luisa, la coperse di baci.

«Cara la mia tosa! Cara la mia tosa!» Avrebbe volentieri fatto altrettanto con Franco, ma Franco non gradiva certe espansioni, aveva una faccia poco incoraggiante, per cui la povera donna si accontentò di prendergli e scuotergli ambedue le mani. «Car el mè don Franco! Car el mè don Franco!» Si raccolse finalmente in braccio la Maria che le puntò le manine al petto facendo un viso simile a quello di suo padre. «Son vègia, neh? Son brütta, neh? Te piasi no? L’è nient, l’è nient, l’è nient!» E si mise a baciarle umilmente le braccia e le spalle, non osando affrontare il visetto acerbo. Poi disse a' suoi amici che aveva portato loro una bella [p. 247 modifica]notizia e gli occhi le brillavano di questo mistero gaudioso. La marchesa aveva scritto a Pasotti e nella lettera c’era un periodo che la Barborin aveva imparato a mente: «Ho appreso con vivo dispiacere (vivo dispiacere, gh’è sü inscì) il triste fatto di Oria... di Oria... (spètta) il triste fatto di Oria... (ah!) e benchè mio nipote nulla meriti, (ciào, quèll pacienza!) desidero non abbia cattive conseguenze.» Il periodo non ebbe un gran successo. Luisa fece il viso scuro e non parlò; Franco guardò sua moglie e non osò metter fuori il commento favorevole che aveva nella bocca ma non, per verità, nel cuore. La povera Barborin che aveva approfittato dell’andata di suo marito a Lugano per correre a portar il suo zuccherino, rimase assai mortificata, guardava contrita ora Luisa ora Franco e finì con togliersi di tasca uno zuccherino vero e proprio onde darlo a Maria. Poi avendo capito che gli sposi desideravano partire in barca e struggendosi di stare un po’ con Maria, tanto disse e fece che quelli se ne andarono lasciando l’incarico alla Veronica di metter la bambina a letto un po’ tardi.

Maria non parve gradir molto la compagnia della sua vecchia amica. Taceva taceva ostinatamente e non andò molto che spalancò la bocca e scoppiò in lagrime. La povera Pasotti non sapeva che Santi invocare. Invocò la Veronica, ma la Veronica discorreva con una guardia di finanza e non udì o non volle udire. Offerse anelli, l’orologio, persino il cappellone da viceregina Beauharmais, ma nulla [p. 248 modifica]riescì gradito, Maria continuava a piangere. Ebbe allora l’idea di mettersi al piano e si mise a picchiare e ripicchiare otto o dieci battute d’una monferrina antidiluviana. Allora la principessina Maria si mansuefece, si lasciò pigliar dalla sua musicista di camera così delicatamente come se le sue braccine fossero state ali di farfalla e posar sulle ginocchia così piano come se vi fosse stato pericolo di far cader in polvere le vecchie gambe.

Udite cinque o sei repliche della monferrina, Maria fece un visino annoiato, si provò di strappar dal piano le mani rugose della suonatrice e disse sotto voce: «cantami una canzonetta.» Poi, non ottenendo risposta, si voltò a guardarla in faccia, le gridò a squarciagola:

«Cantami una canzonetta!»

«Non capisco» rispose la Pasotti «sono sorda.»

«Perchè sei sorda?»

«Sono sorda» replicò l’infelice, sorridendo.

«Ma perchè sei sorda?»

La Pasotti non poteva immaginare cosa chiedesse la bambina.

«Non capisco» diss’ella.

«Allora» fece Maria con un’aria molto grave «sei stupida.»

Dopo di che aggrottò le ciglia e riprese piagnucolando:

«Voglio una canzonetta!»

Qualcuno disse dal giardinetto:

«Eccolo, quel dalle canzonette!» [p. 249 modifica]

Maria alzò il viso, s’illuminò tutta. «Missipipì!» diss’ella e scivolò giù dalle ginocchia della Pasotti, corse incontro allo zio Piero ch’entrava. Si alzò anche la Pasotti, stese le braccia, tutta sorpresa e ridente, verso il vecchio inaspettato amico. «Tè chì, tè chì, tè chì!» E corse a salutarlo. La Maria strillò tanto forte «Missipipì, Missipipì!» e si avvinghiò tanto stretta alle gambe dello zio che questi, quantunque paresse non averne voglia, dovette pur sedere sul canapè, pigliarsi la bambina sulle ginocchia e ripeterle la vecchia canzone:


Ombretta sdegnosa...


Dopo quattro o cinque «Missipipì» la Pasotti, temendo che suo marito ritornasse, prese congedo. La Veronica voleva porre Maria a letto. La piccina si crucciò, lo zio intervenne: «oh lasciatela un po’ qui!» e uscì con lei sulla terrazza per vedere se il papà e la mamma ritornassero.

Nessuna barca veniva da Casarico. La piccina ordinò allo zio di sedere e gli si arrampicò sulle ginocchia.

«Perchè sei venuto?» diss’ella. «Non c’è mica, sai, il pranzo per te.

«Me lo farai tu, il pranzo. Son venuto per star con te.»

«Sempre?»

«Sempre.»

«Proprio sempre sempre sempre?»

[p. 250 modifica]«Proprio sempre.»

Maria tacque, pensierosa. Poi domandò:

«E cosa mi hai portato?»

Lo zio si levò di tasca un fantoccino di gomma. Se Maria avesse potuto sapere, intendere con quale animo, sotto qual colpo lo zio fosse andato a prender per lei quel fantoccino, avrebbe pianto di tenerezza.

«È brutto, questo regalo,» diss’ella, ricordando gli altri dello zio. «E se resti qui, non mi porti più niente?»

«Più niente.»

«Va via, zio» diss’ella.

Egli sorrise.

Adesso Maria volle sapere dallo zio se, quando era bambino lui, suo zio gli portasse regali. Ma questo zio dello zio, per quanto la cosa paresse impossibile a Maria, non era mai esistito. E allora chi gli portava regali? Ed era egli un buon bambino? Piangeva? Lo zio si mise a raccontarle cose della sua infanzia, cose di sessant’anni prima, quando la gente portava parrucca e codino. Si compiaceva di ricordare alla nipotina quel tempo lontano, di farla vivere per un momento insieme ai suoi vecchi, e parlava con gravità triste, come avendo presenti quei cari morti, come parlando più per essi che per lei. Ella gli fissava in viso gli occhi spalancati, non batteva palpebra. Nè lui nè lei s’accorgevano che intanto passava il tempo, nè lui nè lei pensavano più alla barca che doveva venire.

[p. 251 modifica]E la barca venne, Luisa e Franco salirono senza sospettare di nulla, pensando che la bambina dormisse. Franco fu il primo che vide sotto i rami cadenti delle passiflore lo zio seduto, curvo su Maria che gli stava sulle ginocchia. Mise una gran voce di sorpresa e corse là seguito da Luisa con l’idea che fosse successo qualche cosa. «Tu qui?» diss’egli correndo. Luisa, pallida, non disse nulla. Lo zio alzò il capo, li vide: essi compresero subito che vi era una brutta novità, non gli avevano mai veduto una faccia così seria.

«Addio» diss’egli.

«Cosa è stato?» sussurrò Franco.

Egli fe’ cenno ad ambedue di ritirarsi dalla terrazza nella loggia, ve li seguì, allargò le braccia, povero vecchio, come un crocifisso e disse con voce triste ma tranquilla:

«Destituito.»

Franco e Luisa lo guardarono un momento come istupiditi. Poi Franco esclamò: «oh zio, zio!» e lo abbracciò. Vedendo quell’atto e il viso di sua madre, Maria scoppiò in lagrime. Luisa cercò di farla tacere, ma ella stessa, la donna forte, aveva il pianto alla gola.

Seduto sul canapè della sala lo zio raccontò che l’I. R. Delegato di Como lo aveva fatto chiamare per dirgli che la perquisizione operata nella sua casa di Oria aveva dati risultati dolorosi e inattesi; quali, non aveva voluto assolutamente dire. Aveva poi soggiunto che s’era voluto iniziare un [p. 252 modifica]processo ma che in vista dei lunghi e lodevoli servigi prestati il Governo si limitava a togliergli l’ufficio. Lo zio aveva insistito per conoscere le accuse e colui l’aveva licenziato senza rispondere.

«E allora?» disse Franco.

«E allora...» Lo zio tacque un poco e poi pronunciò una frase sacramentale d’ignota origine che egli stesso e i suoi compagni tarocchisti solevano ripetere quando il giuoco andava disperatamente male: «Siamo arcifritti, o Regina.»

Vi fu un lungo silenzio; poi Luisa si buttò al collo del vecchio. «Zio, zio» gli sussurrò «ho paura che sia stato per causa nostra!»

Ella pensava alla nonna e lo zio intese che accusasse Franco e sè di qualche imprudenza.

«Sentite, cari amici» diss’egli con un tono bonario che aveva pure qualche recondito sapore di rimprovero «questi sono discorsi inutili. Adesso la frittata è fatta e bisogna pensare al pane. Fate conto su questa casa, su qualche piccolo risparmio che mi frutta circa quattro svanziche al giorno e su due bocche di più: la mia e quella della Cia; la mia, speriamo, per poco tempo.» Franco e Luisa protestarono. «Ci vuol altro! Ci vuol altro!» fece lo zio agitando le braccia, come a dispregio di un sentimentalismo irragionevole. «Viver bene e crepare a tempo. Questa è la regola. La prima parte l’ho fatta, adesso mi tocca di fare la seconda. Intanto mandatemi dell’acqua in camera e aprite la mia borsa. Vi troverete dieci polpette che la [p. 253 modifica]signora Carolina dell’Agria mi ha voluto dare per forza. Vedete che le cose non vanno poi troppo male.»

Ciò detto lo zio si alzò e se ne andò per l’uscio del salotto con passo franco, mostrando anche da tergo la sua faccia eretta, il suo modesto ventre pacifico, la sua serenità di filosofo antico. Franco, ritto sul limitare della terrazza, con le braccia incrociate sul petto e le sopracciglia aggrottate, guardava verso Cressogno. Se in quel momento egli avesse avuto fra le mascelle un fascio di Delegati, di Commissari, di birri e di spie, avrebbe tirato tale un colpo di denti da farne una melma sola.



Piccolo Mondo Antico 22.jpg