Pizzica di Aradeo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
canti

cantastoria Pizzica di Aradeo (Ballati tutti quanti) Intestazione 25 agosto 2011 25% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Lu tammurreddhu meu vinne de Roma
ca me l'ha' nnuttu na napulitana.

2E viti ci balla moi viti ci balla
ca balla na palomma e nu cardillu.

3Comu ballati bellu a cucchia cucchia
ca la donna se luntana e l'ommu cucchia.

4E ballati cu bbe cajane li peti
ca te sutta le scinucchie pare pare.

5E ballati ca tiniti le scarpe nove
ca le mie su vecchie no pozzu ballare.

6Addhu t'ha pizzicau la tarantella
ca sutt'a' lo girugiru de la gunnella.

7E balla beddha mia ca sai ballare
na c'ha voluto ballu pe' move lu pete.


Traduzione


Il tamburello mio venne da Roma
che me l'ha' portato una Napoletana.

2E vedi chi balla ora vedi chi balla
che balla una colomba e un Cardellino.

3Come ballate belli vicini vicini
che la donna si allontana e l'uomo si avvicina.

4E ballate che vi si callino i piedi
che da sotto le ginocchia sembra sembra.

5E ballate che tenete le scarpe nuove
che le mie sono vecchie e non posso ballare.

6Dove t'ha pizzicato la tarantella
che sotto il girogiro della gonnella.

7E balla bella mia che sai ballare
non c'hai voluto ballare per muovere il piede.