Poemi conviviali/Il cieco di Chio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il cieco di Chio

../Solon ../La cetra d'Achille IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

Solon La cetra d'Achille


[p. 11 modifica]
IL CIECO DI CHIO




    O Deliàs, o gracile rampollo
di palma, ai piedi sorto su del Cyntho,
alla corrente del canoro Inopo;
figlia di Palma; di qual dono io mai
5posso bearti il giovanetto cuore?
Ché all’invito de’ giovani scotendo
gl’indifferenti riccioli del capo,
gioia t’hai fatto del vegliardo grigio
cui poter falla e desiderio avanza.
10E lui su le tue lievi orme adducevi
all’opaca radura ed al giaciglio
delle stridule foglie, in mezzo ai pini
sonanti un fresco brulichìo di pioggia
presso la salsa musica del mare.
15Nè già la bianca tua beltà celasti
a gli occhi della sua memore mano:
non vista ad altri, che a lui cieco e, forse,
al solitario tacito alcïone.


     O Deliàs, e già finì la gara
20de’ tunicati Iàoni: già tace

[p. 12 modifica]

il vostro coro, grande meraviglia,
in cui nessuna di te meglio scosse
i procellosi crotali d’argento.
Ed il nocchiero su la nave nera
25l’albero drizza, ed in su trae le pietre,
le gravi pietre su cui dondolando
dorme la nave nel loquace porto.
Ora un nocchiero addimandai: Nocchiero,
vago per l’onde come smergo ombroso,
30dài ch’alla nave il pio cantore ascenda?
cieco uomo, e vive nella scabra Chio.
Così te veda un ospite all’approdo.
Tanto io gli dissi. Egli assentì; chè grande
è del cantore, ben che nudo e cieco,
35la grazia in uno ardor di venti, in una
ai cuori alati ritrosia di calma.


     E di qual dono, o Deliàs, partendo,
né so per dove, su la nave nera,
posso bearti il giovanetto cuore?
40Chè non possiedo, fuor della bisaccia
lacera, nulla, e dell’eburnea cetra.
E il canto, industre che pur sia, non m’offre
se non un colmo calice ed un tocco
di pingue verro e, terminato il canto,
45una lunga nel cuore eco di gioia.
Io cieco vo lungo l’alterna voce
del grigio mare; sotto un pino io dormo,
dai pomi avari: se non se talora
m’annunzïò, per luoghi soli, stalle
50di mandrïani un subito latrato;
o, mentre erravo tra la neve e il vento,
la vampa da un aperto uscio improvvisa

[p. 13 modifica]

nella sua casa mi svelò la donna
che fila nel chiaror del focolare.


     55Pur non già nulla dar non può, sì molto,
il cieco aedo; e quale a me tu dono,
negato a tutti, della tua bellezza,
offristi, donna; né maggior potevi;
tale a te l’offro, né potrei maggiore.
60Cieco non ero, e ciò pascea con gli occhi,
che rumino ora bove pazïente;
e il fior coglievo delle cose, ch’ora
nella silenzïosa ombra mi odora.
Era per aspri gioghi il mio cammino,
65degli uomini vetusti, antelunari.
Nacquero sopra le montagne nere,
che ancor la luna non correa su quelle:
nacque dopo essi, e palpitò per loro
gemiti strani. Era un meriggio estivo:
70io sentiva negli occhi arsi il barbaglio
della via bianca, e nell’orecchio un vasto
tintinnìo di cicale ebbre di sole.


     Ed ecco io vidi alla mia destra un folto
bosco d’antiche roveri, che al giogo
75parea del monte salir su, cantando
a quando a quando con un improvviso
lancio discorde delle mille braccia.
Entrai nel bosco abbrividendo, e molto
con muto labbro venerai le ninfe,
80non forse audace violassi il musco
molle, lambito da’ lor molli piedi.
E giunsi a un fonte che gemea solingo

[p. 14 modifica]

sotto un gran leccio, dentro una sonora
conca di scabra pomice; che il pianto
85già pianto urgea con grappoli di stille
nuove, caduchi, e ne traeva un canto
dolce, infinito. Io là m’assisi, al rezzo.
Poi, non so come, un dio mi vinse: presi
l’eburnea cetra e lungamente, a prova
90col sacro fonte, pizzicai le corde.


     Così scoppiò nel tremulo meriggio
il vario squillo d’un’aerea rissa:
e grande lo stupore era de’ lecci,
ché grande e chiaro tra la cetra arguta
95era l’agone, e la vocal fontana.
Ogni voce del fonte, ogni tintinno,
la cava cetra ripetea com’eco;
e due diceva in cuore suo le polle
forse il pastore che pascea non lungi.
100Ma tardo, al fine, m’incantai sul giogo
d’oro, con gli occhi, e su le corde mosse
come da un breve anelito; e li chiusi,
vinto; e sentii come il frusciare in tanto
di mille cetre, che piovea nell’ombra;
105e sentii come lontanar tra quello
la meraviglia di dedalee storie,
simili a bianche e lunghe vie, fuggenti
all’ombra d’olmi e di tremuli pioppi.


    Allora io vidi, o Deliàs, con gli occhi,
110l’ultima volta. O Deliàs, la dea
vidi, e la cetra della dea: con fila
sottili e lunghe come strie di pioggia

[p. 15 modifica]

tessuta in cielo; iridescenti al sole.
E mi parlò, grave, e mi disse: Infante!
115qual dio nemico a gareggiar ti spinse,
uomo con dea? Chi con gli dei contese,
non s’ode ai piedi il balbettìo dei bimbi,
reduce. Or va, però che mite ho il cuore:
voglio che il male ti germogli un bene.
120Sarai felice di sentir tu solo,
tremando in cuore, nella sacra notte,
parole degne de’ silenzi opachi.
Sarai felice di veder tu solo,
non ciò che il volgo vìola con gli occhi,
125ma delle cose l’ombra lunga, immensa,
nel tuo segreto pallido tramonto.


     Disse, e disparve; e, per tentar che feci
le irrequïete palpebre, più nulla
io vidi delle cose altro che l’ombra,
130pago, finché non m’apparisti al raggio
della tua voce limpida, o fanciulla
di Delo, o palma del canoro Inopo,
sola tu del mio sogno anche più bella,
maggior dell’ombra che di te serpeggia
135nel mio segreto pallido tramonto.
Ora a te sola ridirò le storie
meravigliose, che sentii quel giorno
come vie bianche lontanar tra i pioppi.
E quale il tuo, che non maggior potevi,
140tale il mio dono, né potrei maggiore;
ché il bene in te qui lascerò, come ape
che punge, e il male resterà più grave,
grave sol ora, al tuo cantor, cui diede
la Musa un bene e, Deliàs, un male!

[p. 16 modifica]