Poesie (Porta)/79 - Quand vedessev on pubblegh funzionari

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
79 - Quand vedessev on pubblegh funzionari

../78 - Per soa desgrazia on orb l'eva ammalaa ../80 - A LA SURA LENIN MILLESI IncludiIntestazione 27 settembre 2008 75% poesie

Carlo Porta - Poesie (XIX secolo)
79 - Quand vedessev on pubblegh funzionari
78 - Per soa desgrazia on orb l'eva ammalaa 80 - A LA SURA LENIN MILLESI

 
Quand vedessev on pubblegh funzionari
a scialalla coj fiocch senza vergogna,
disii pur che l’è segn ch’oltra el salari
el spend lu del fatt sò quell che besogna.

Quand savessev del franch che all’incontrari5
nol gh’ha del sò che i ball ch’el ne bologna,
allora senza nanch vess temerari
disii ch’el gratta, senza avegh la rogna.

Quand intrattant ch’el gratta allegrament
vedessev che i soeu capp riden e tasen,10
disii pur che l’è segn che san nient.

Ma quand poeù ve sentissev quaj ribrezz
perché a dì che san nient l’è on dagh dell’asen,
giustemela e disii che fan a mezz.