Portale:Economia/Curiosità

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gestione sezione "Curiosità"

Nuvola filesystems folder blue open.png Categoria: Gestione del portale economiaPortale economia  Nuvola apps noatun.png Gestione delle sezioni del portale  Nuvola apps noatun.png Curiosità 


In questa sezione è possibile visualizzare modificare e proporre le sezioni che appaiono periodicamente nel riquadro Curiosità del Portale:Economia.
In esse appare in forma di domanda retorica un invito a leggere qualche testo a partire da una curiosità inconsueta che vi compare. Per proporre una nuova curiosità segui le istruzioni qui sotto.

N.B. I cambiamenti apportati alle sezioni di questa pagina saranno visibili immediatamente sul portale!

Per proporre una nuova immagine[modifica]

Procedi seguendo questa linea guida:

  • La curiosità deve far riferimento a testi qui presenti, dunque deve provenire da testi qui presenti

Come preparare il testo[modifica]

La curiosità è preceduta da una domanda retorica Sapevi che... pertanto il testo dovrà finire con un punto di domanda e proseguire i puntini di sospensione della domanda.

Schema[modifica]

Il canovaccio da copiare e rielaborare per creare una nuova sezione è il seguente:

==#==
<section begin="#" />...Testo?<section end="#" />

In esso

  • Sostituisci "#" con il numero successivo a quello dell'ultima sezione di questa pagina
  • Sostituisci "testo" con il testo della curiosità da proporre
    • noterai che il testo inizia con i puntini di sospensione e termina con un punto di domanda

Le sezioni sottostanti sono applicazione di questo canovaccio e possono servirti come modello

Domande?[modifica]

Se hai domande, dubbi, proposte o necessiti di chiarimenti lascia un messaggio nella pagina di discussione o chiedi lumi a qualche amministratore.

0[modifica]

...il conte Pietro Verri sosteneva che tassi d'interesse contenuti potessero costituire un vantaggio per l'economia di un paese? E che, già allora, lotterie e giochi d'azzardo gestite dallo stato venivano viste come dei veri e propri tributi a danno delle classi più povere?

1[modifica]

...nell'Ottocento scoppiò una disputa sulla definizione del commercio? E che alcuni lo intendevano come mero trasporto di merci, altri come operazioni di acquisto finalizzate alla rivendita, e altri ancora con nessuno dei due?

2[modifica]

...Cesare Beccaria, oltre al suo famosissimo saggio Dei delitti e delle pene, ha scritto anche un trattato di economia politica in cui dà ampio spazio alle tematiche agricole?

3[modifica]

...il celebre economista Ferdinando Galiani, famoso a Parigi per essere una persona cordiale e dagli arguti motti di spirito, incontrò il Re Luigi XV, che gli domandò: "Signor abate, tutti lodano le vostre battute; vorrei sentirne una su di me"? E che Galiani rispose: "Come potrei mai, Sire? Vostra Maestà non è mica un soggetto!"?

4[modifica]

... l'Imperatore Diocleziano, per frenare il rincaro dei beni, promulgò un editto che poneva un tetto massimo ai prezzi delle merci, pena la morte? E che sotto il suo impero (284 d.C - 305 d.C), il potere d'acquisto era pressapoco simile a quello odierno?

5[modifica]

... la questione della parità dei sessi per quanto riguarda le mansioni lavorative era già sentita all'inizio del Novecento?

6[modifica]

...a fine Ottocento, l'economista Enrico Barone presentò un modello matematico per mostrare gli effetti dell'imposizione fiscale sulle scelte lavorative, sulla produzione e sul consumo del singolo individuo?