Portale:Economia

Da Wikisource.
Portale Economia,
il punto di partenza per conoscere autori e testi di economia in Wikisource.

Nuvola filesystems folder blue open.png Categoria: EconomiaPortale portali  Nuvola apps noatun.png Portale economia 

Critiche, commenti, segnalazioni e suggerimenti possono essere inseriti nel Bar del Progetto Economia

Il Portale Economia è il punto di partenza per una navigazione sistematica delle opere di carattere economico libere da diritto d'autore pubblicate su Wikisource. Puoi aiutarci con contributi e suggerimenti. Di seguito troverai una serie di elenchi di testi presenti nell'archivio, di spunti utili per la lettura e di percorsi tematici.

 
Jean-baptiste Say.jpg.

Jean-Baptiste Say (Lione, 5 gennaio 1767 – Parigi, 15 novembre 1832)

Figlio di un commerciante, svolse lavori impiegatizi prima di indirizzarsi agli studi economici. Nel frattempo maturò la Rivoluzione francese e Say, convinto liberale ed amico di Mirabeau, non esitò ad appoggiarla. Salito al potere Napoleone, Say fu dapprima suo seguace ma, comprese le tendenze dispotiche, passò all'opposizione. Per le idee liberali esposte, il suo Traité d'économie politique in due volumi del 1803 fu fatto sequestrare. Nel 1814 il governo insediato dalla Restaurazione lo incaricò di studiare l'organizzazione commerciale inglese. Nel 1815 fu nominato professore all'università di Parigi. Eletto nel 1830 membro del Consiglio Generale della Senna, rinunciò nel 1831 per dedicarsi alla cattedra di Economia Politica, da lui fondata presso il Collège de France.

Say fu uno degli ultimi rappresentanti in Francia della scuola classica, ma non fece una semplice volgarizzazione di Adam Smith, Thomas Malthus e David Ricardo. Nelle sue opere, tra le quali va ricordata Cours complet d'économie politique pratique (1828-1829), egli propose il concetto dell'utilità come base del valore, in sostituzione del costo, teorizzato dai classici. Analizzò in particolare il fenomeno della distribuzione, e non solo quello della produzione; venne valorizzato il lavoro immateriale delle classi intellettuali, che Smith riteneva improduttivo; si distinse tra le figure del capitalista e dell'imprenditore; e si separò il concetto dell'interesse da quello del profitto. Importante soprattutto fu l'enunciazione della legge degli sbocchi che porta il suo nome. (Da Wikipedia)


 
...nell'Ottocento scoppiò una disputa sulla definizione del commercio? E che alcuni lo intendevano come mero trasporto di merci, altri come operazioni di acquisto finalizzate alla rivendita, e altri ancora con nessuno dei due?
 
Ultimi arrivi
 
Indici
Vuoi dare una mano?
Il Progetto Economia accoglie chiunque sia interessato ai testi di natura economica! Per informazioni, chiedi al Bar del Progetto Economia oppure dai direttamente un'occhiata al lavoro da fare.

Se invece vuoi modificare questo portale o proporre nuovi contenuti vai nel retrobottega.