Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali/II/1

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'Orco della Val

../Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali/II ../2 IncludiIntestazione 13 luglio 2015 25% Da definire

II - II II - 2
[p. 55 modifica]

L’Orco dalla Val.1

Val d’extra2 më́ssi bèll avë́i quï dalla Val; inscí ai ’chi du̇t n’ater Orco quĕ nos atri Ladins. L’Orco dalla Val dë́ssa propi avë́i vai dĕ té quĕ l’Orco fora in Boémia3. Ël a n rï natoral e gent sei të́me scialdi per su̇s scecades. Les patrones dalla Val a pa trés da sĕ lamenté, perchí qu’ël è tan ognért: ël les scéca cër i pongins e les giarrines e les alches, cër la pegna e l fu̇r da pan4, cër la chamena dal latt e l lavé guant e plïge la të́la; ël è pa propio na meséria. L pïce èl per quï qu’è su̇l iadĕ, sc’ëi nĕ chara chi qu’ëi fége. Tĕ na òta èl modè l bèll temp in chalvára e plȯia, d’invér spo tirel pa në́i tles [p. 56 modifica]strades, qu’an nĕ les vèga plu̇ e tomma su̇lla dlacia; tĕ quëlla5 alden l’Orco fora dĕ bosc quĕ sĕ la rì dad alt. Ma dër tĕ na òta, an nĕ sa co, èsen fora dĕ strada e rabië́ia incë́rc, an ne sa ollá, per crëp e barrantli; an sĕ stancha du̇ta la nètt e da doman èsen su̇l vèdl post quĕ da së́ra. [p. 57 modifica]

[p. 55 modifica]

L’Orco della Valle.

Qualche cosa di particolare quei della Valle già devono sempre avere; così hanno anche tut’altro Orco che noi altri Ladini. L’Orco della Valle secondo si narra è simile all’Orco della Boemia. Egli è di disposizione naturale cattiva e la gente lo teme assai per le sue gherminelle. Le padrone della Valle hanno sempre da lamentarsi delle sue cattiverie: egli le secca coi pollastri, colle galline, colle oche, colla botticella da burro, col forno, colla stanza da latte, col lavar la biancheria e coll’imbiancar la tela; è proprio una miseria. Il peggio tocca a chi è per istrada, se non abbada bene a [p. 56 modifica]quello che fa. Tutt’ad un tratto invece del bel tempo si ha nuvole e pioggia, d’inverno poi l’Orco copre le strade di neve, cosichè non distinguendole più si cade sul ghiaccio; nello stesso momento si ode l’Orco nel bosco prorompere in alte risa. All’improvvisa, non si sa come, si si trova sviato ed errante per ogni dove, in mezzo a rupi ed a pini, affaticandosi tutta la notte, finchè la mattina si è sul medesimo posto, ove si era la sera. [p. 57 modifica]

[p. 55 modifica] [p. 56 modifica]Datrái se më́ttel scèque na picera cògora su̇n strada e appë́na qu’an l’aie passada, crë́scela scèque na gran balla e berdòra dô al viadù6, saltĕ pa co qu’ël òiĕ, manacian del ciaffè sott itĕ e del frachè, fina qu’el tomma mèz mort illó dal spavë́nt e spo alden pa l’Orco sĕ la rian e coionan. [p. 57 modifica]

[p. 55 modifica] [p. 56 modifica]Delle volte fattosi piccola boccia si mette in mezzo alla strada ed appena passatovi alcuno cresce in modo, che diventa una gran palla e rotolone tiene dietro al viandante, cui, comunque corra, minaccia di atterrare e di schiacciare, finchè costui cade mezzo morto dallo spavento, poi si sente l’Orco ridersela e burlarsene. [p. 57 modifica]

[p. 55 modifica] [p. 56 modifica]Inche scèque n chaval a pastu̇ra pon l’odë́i, co qu’ël vegne prò e sĕ smila e ciga scèque i chavai. Mo guai, sc’u̇n s’infidèssa a sente su; appë́na qu’ël l sente, i crë́scel les giammes, e l pu̇rĕ om, qu’è lasùra, nĕ vèga plu̇ la tèrra dĕ sott. L’Orco va spo ia in gallop7, su̇ra ciu̇c’e [p. 57 modifica]pedrons fora per spináce e blaves, fin quĕ l pu̇rĕ om tommma ju̇, e ël po pa chamó èster ligher e content, sc’ël nĕ s’a frozzè les giammes e les costes; su̇s mans e l mus è du̇t sgraffedá e ël a pa ma da fa a sĕ desballè8 fora dalles trògnores. L’Orco sen sciampa e lascia n tòf da Dï nes vèrdĕ; per quëš digen: ël tòffa scèque l’Orco.

[p. 55 modifica] [p. 56 modifica]Anche qual cavallo sul pascolo si può vederlo, come si avvicini ad uno insinuandosi con lusinghe e nitrito a modo dei cavalli. Ma guai a colui, che osa montarlo, giacchè appena lo sente, gli crescono le gambe, e il povero uomo, che lo monta, non vede più la terra di sotto9. [p. 57 modifica]L’Orco va poi di galoppo passando attraverso arbusti e sassi per pruni e campi di biade, finchè l’infelice cade a terra, il quale può chiamarsi contento e felice, se non gli si sono rotte le gambe e le coste; le mani e la faccia sono tutto graffiate ed egli dovrà ben durar fatica per cavarsi fuori dai cespugli. L’Orco poi sene scampa lasciando un puzzo che Dio cene guardi; perciò si dice: puzza come l’Orco.

  1. “La Val” è un Comune al Nord di Badia.
  2. la parola “extra” si usa ancora di spesso.
  3. l’Orco della Boemia è il Rübezahl.
  4. fu̇r da pan = forno.
  5. tĕ quëlla = nello stesso momento.
  6. viadù = viatorem.
  7. invece di “in gallop” si usa più spesso, “a sporòm”.
  8. desballè — sballare.
  9. per la grandezza immensa, che assumeva il cavallo.