Rime diverse in lingua genovese/B. C. (Bernardo Castelletto), Buxotto hoste de Recco

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
B. C. (Bernardo Castelletto), Buxotto hoste de Recco

../B. S. (Benedetto Schenone) ../V. D. (Vicenzo Dartona) IncludiIntestazione 18 dicembre 2013 75% Da definire

B. C. (Bernardo Castelletto), Buxotto hoste de Recco
B. S. (Benedetto Schenone) V. D. (Vicenzo Dartona)

[p. 106 modifica]

B. C.

[p. 107 modifica]



BVXOTO HOSTE DE RECO, A
ro Segnò Poro Foggetta.



MEsse Poro voi sei un galant'homo,
Ma sei troppo sotirio in veritè,
Che certo mi no me ro poeiua crè
Se no ne veiua ro perche e ro como.

5Un di che chiuuea forte che andà l'homo
Nou poeiua a nessun mueo pè re strè,
Voi restassi allogià in casa mè,
Che parea Reco ro lago de Como.

E inteiso che voi eri messe Poro
10Fogietta, quello tanto nominaou,
Me foissi caro chiù che un motto d'oro.

E de ogni cosa ve fei bon mercaou
Cossi vè zuro per san Pè, e san Poro
Che con voi ho perduo, e nò guagnaou.

15Si ve sei lamentaou;
Con di che ri me versi no ve chiaxo
E che à ca me ghe vegnirei à bel'axo.

Per mi vegnighe adaxo
Che presto ne andereiua à l'Hospuà
20Se a i atri come à voi voresse fà.

E se me stè ascotà;
Ve farò, cuinto dro cotto e dro cruo
Mangià che feto hauei, e ancon beuuo.

Quattr'Oeue con ro fuò,

[p. 108 modifica]

25Doe micche doggie, e un'amora de vin,
Formaggio, uga mangiassi ra matin.

Doi sodi pan, e vin;
Doi de formaggio, un d'uga, e d'oue doi
Sè le ra veritè ro sauei voi.

30Chi sà trouà tra noi;
Meggiò mercao da fà colation
Formaggio, uga, ouo, pan fresco, e vin bon.

Dra cenna dirò ancon;
Doi pezzi de bon rosto intro tian
35Un'atro pezzo votto à l'asta chian.

Meza resta de pan;
Doe amore de vin è una frità,
Che chiù che nò l'hò missa a m'è costà.

O ghe anchon de quinta;
40Vga, formaggio, un pan cotto a broetto
Meire bonne, lassemo stà ro letto.

Doi sodi de vin metto;
Sexe de rosto, doi trei poen da otto
Trei de frità, e ninte ro pan cotto,

45Ro cuinto aora chi botto;
Dra frittà dro formaggio un caualotto
Fè cuinto voi che sei Poeta dotto.

Trouerei che Buxotto;
V'hà feto cortexia, e piaxei
50Quando in cuinto ogni cosa metterei.