Rime diverse in lingua genovese/B. S. (Benedetto Schenone)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Benedetto Schenone

Rime di B. S. (Benedetto Schenone) ../Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero ../B. C. (Bernardo Castelletto), Buxotto hoste de Recco IncludiIntestazione 16 dicembre 2013 50% Da definire

Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero B. C. (Bernardo Castelletto), Buxotto hoste de Recco
[p. 101 modifica]


B. S.



SE ben n'han luxe o Donna i oggi mè,
Che troppo agro accidente l'amortà
Ni pon vei ri miracori che Dè
4Tutto ro giorno, in questo mondo fà
Quella virtù, che cosi larga in Cè
Ve dè natura, quando a ve formà
Tanta luxe me porze all'intelletto,
8Che de vui posso vei ro ben perfetto.

2Perche de rero, un'annimo gentì
Per ornamento hà moe brutta figura,
E s'atramenti segue, o se pue di
12Che quello sea deffetto de natura,
L'ascoso che da mi se fa senti
Ro descouerto ha de mostramme cura,
Si che s'odo de voi l'ascoso ben
16Veggo quello chi pà, ni chiù ni men.

[p. 102 modifica]


3Per questa via, mi chi son orbo, posso
Giudicà sannamente de corò
E di quando me fere, e luxe adosso
20Dro vostro bello viso, ro sprendò
Che quanto è da ro pichieno, a ro grosso
E da ro chiù cattiuo, a ro megiò
Tant'è de defferenza a quella luxe
24Da l'atra chi ro giorno in terra aduxe.

4E ve crei che non sacchie monto ben
Che bella como vui Donna non vive,
E che tutto l'honò se ve conuen
28Che lengua possa daue, o penna scriue,
Che per vui soramenti Amò sosten
Ro regno, e da re vostre luxe viue'
Piggia quella virtù con che da puoe
32Tent'annime o l'accende, e tenti cuoe.

5O quanto me stupisso, e maraueggio
Quando ra mente drizzo, o Donna in vui,
E re bellezze vostre ben cerneggio
36Chi ve fan cosi rera chi tra nui
A ra Lunna, a ro Sò nc v'assemeggio
Che varei meggio assè de tutti doi,
Ma come è dritto, e raxoneiue, a quella
40Bellezza chi de lò ve fe chiù bella.

[p. 103 modifica]


6Da questo nasse annima mea che tenti
Annimi dexirosi han per costume,
De xuorà come oxelli tutti quenti
44A ro vago sprendò dro vostro lume,
Donde arriuè tra quelli lampi ardenti
Con ra vitta meschin lassan re chiume
E fan quello nessou chi fà ra seira
48Ra porcelletta intorno a ra candeira.

7E veramenti se chi troppo vuò
A ra spera dro Sò dritto mirà
De sorte s'abbarlugha, che dapò
52Ro gianco, noigro a rà sò vista pà,
Ra vostra viua luxe ro me cuò
Chi può ro scuro inferno chiero fà
Chi ardisse oggio ben san de mirà chie
56Orbo no restereiua como mie?

8Con l'annimo per zò netto, e purgao
Ogni corpo mortà v'honore, e inchinne,
Sò desira per vui fasse beao,
60E vei cose dro Cè belle, e diuinne.
A re què mi son zà tanto accostao
Anchora che attaston ro pè caminne,
Che veggo bello, e chiero ro Pareiso
64Per quella via c'ho da vui Donna impreiso.

[p. 104 modifica]


9Veggo mirando in vui mille Angeretti
Vnna bella rionda fà per ere
Che puoeran tenti ricchi barassetti
60Dauanti a ra grandezza dro Dè Poere,
E cantando fra lò ri figgioretti
Unna musica fan con si doce ere
Che a poreiua allegrà quello che tenti
64Agni, a ro mondo stè frà doggie, e stenti.

10Veggo tent'atre cose che a vorrei
Rasonaue de quelle à compimento,
Sareiua de besogno à mè parei
68Ch'atro no fesse moe per agni cento
Ni poreiua a ra fin tanto sauei
De zò che veggo de vui stella, e sento;
Che no fosse l'effetto assè chiù grande
72De quanto poesse ra mè lengua spande.

11Basta che come in cè fra i atre luxe
Quella se vè dro Sò chiù viua, e bella,
Perche la sù no soramenti à luxe
76Ma d'esto mondo, in questa parte e in quella,
Cosi ra vostra vaga e chiera luxe
Chi sprendò dona a l'unna e l'atra stella
Prima, è fra queste basse come in cè
80Tra re cose diuinne, e primo Dè.

[p. 105 modifica]


12Ma perchè ro parlà de poco peiso
Che d'un soggetto così grande fasse
Porreiua annima cara de Pareiso
84Tiraue in quarche luoego scuro, e basso,
Meggio è che taxe, che da mi repreiso
Me tegne, per no vei che in un stromasso.
Atri addotè ch'a mi de meggioi dote
88Ro stì, ra penna, e ro papè ghe bote.

13Soramenti dirò può c'ha vossuo
Amò faue de mi libero don
E che per honoraue anchon nassuo
92E per amaue, e per seruiue son,
No me voggie mostra ro cuò si cruo
Da fame caze in terra a rubaton,
Anzi acette ro me seruixo in graou
96Che posse fame in vui tutto beaou.



QVello prouerbio dixe ben per Dè,
Che no se deuereiua za mue di
(Come se ve ben spesso intreuegnì)
4Mi de questa egua moe no beuerè.

Perch'esto tà l'è sempre ro promè,
Ch'a l'appeleura è solito a corri;
E che de tira se ne va a feri,
8A da dentro dra re presto dri pè.

[p. 106 modifica]

Cosi è acheito in mi mesmo troppo ardio;
Perche in tempo, che chiu me bertezaua
De chi d'amò dixeiua esse ferio;

12Lantho ro me bocon s'appareggiaua:
Perche da un solo sguardo imbalordio
Restei pigiaou, com'un viso de faua.


QVesta frasca d'Amò, questo pissè
Chi no sa marelede ancon parlà,
M'ha pigiaou de tà sorte a consumà
4Che no posso aura chiù viue per lè.

O tira certe frecchie esto caghè
Da figiuo, come l'è, senza pensà
Ch'o me porreiua un di fossa amazà
8E fame restà morto in su doi pè.

Ma sc un giorno o me capita intre moen
Questo fraschatta questo papachiè,
Che si ghe dago tenti berlendoen,

12Ch'o huttera li rotti, e pestumè
E ro carcasso, e l'erco, què tutti en
Zeuoggi, chi me fan sta sempre in guè,