Rime diverse in lingua genovese/Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero

../A Barbara reginna dro me cuoe ../B. S. (Benedetto Schenone) IncludiIntestazione 28 novembre 2013 75% Da definire

A Barbara reginna dro me cuoe B. S. (Benedetto Schenone)
[p. 87 modifica]

DEL SIG. BARNABA

Cigala, Casero.



RESTO d'haueiue vista abarlugaou,
De sorte me piaxei, bella garzona.
Me crao che m'hagie certo afoeituraou
Che ve sei feta dro me co' patrona;
Ri Preui hagiando misso in San Donaou
Vn dì nostro Segnò per sorte bona,
Mi vegniua da fà l'oracion,
E voi gh'andaui con vostra amia ancon.

2Fò dra porta de Geza mi ve vi
Per contra ra butega dro fornà:
Chi è quella genti figgia, dissi mi,
Che a ri me ogi cosi bella pà,
E un Zoue gracioso ch'era li
Lantora me respose: ell'è ra tà,
Mi dissi: d'aguardara a m'inamora,
Si è ra chin bella c'hagie visto ancora.

[p. 88 modifica]


3E fo ro primo giorno che ve vi
E de gianco eri quello dì vestia;
Vna sciò bella voi pareiui li,
Dentro una tazza de lete puria:
In testa haueiui un'aconzeura asi,
Feto con gracia, e con galantaria,
Con quella ancora streito me ligassi,
E tutte i atre à mi poeren scoassi.

4Se mi per sorte in Gexa ve trouaua
Che dro Cè fossi un'Angero me creiua,
E si dauanti à voi pue me fermaua
E tntte re me cose ve dixeiua:
Po ra man reuerente ve baxaua,
Voi poei pensà s'ognun se ne rieiua,
E si hauereiuan dito, O se de crè
Ch'atro che bella figia quella sè.

5Fin a lantora no ve conosceiua
(No ve l'hagiè, Sò dro Pareizo a mà)
Che ra me sorte ancon no ro voreiua
Ma ben v'haueiua spesso odio mentà:
Che vostra Moere ha dri figiò saueiua
Ma no za che a l'hauesse figia tà:
E per chiu dogia no saueiua men
Che a Zena se trouasse tanto ben.

[p. 89 modifica]


6E se ben son passao dre vote assè
Dauanti a casa vostra, che ro sò,
Per me desgracia no v'hò visto moè
Perche ra vista gueri bonna no hò,
E me dò grandemente in veritè
De no haueiue per sorte vista allò,
Perche me pà ro tempo avei perduo,
Che vei si bella cosa n'ho sapuo.

7Ma de no haueiue prima conosciuo
Ro doro no staghemo a renouà:
Odi che strannia cosa è interuegnuo
Proprio quando ve vi quella giornà:
No so se à diro mi sarò cretuo,
Po che in mezo dro Cò me fossi iutrà,
O me pà che zughemo a Correzora
Perche sei quando dentro, e quando fora.

8In mexo dro mè Cò proprio voi stè
Como un'osso intr'un Persego arreixà,
Ma quando aro barcon poscia ve fe
Como fauo diascora a scappà?
Tanto che mi no so cosa me crè,
E monto voi me fe marauegià.
Lantora digo: O mi son fo de mi,
O veramrnte ne sei fora voi.

[p. 90 modifica]


9E quando me ne vago pò con Dè
Intro cuò torna me ve pà sentì,
Onde me vozo subito inderrè
Perche l'è cosa chi me fa stupi,
Si ve vego assetà co ro Panè
E in man l'agogia che voi stè à cuxì.
E comenso dauei a strauania
Si no so como vaghe esta bugà.

10Da pò stago pensando se poisse esse
Quarche gran marauegia questa chi,
E mi hauesse dro tutto perduo l'esse,
E fosse deuegnuo un'atra voi,
E per questa causa me paresse
de sentiue comeigo notte, e dì,
Pigio ro spegio, e me ghe aguardo drento,
E si me veggo c'ho ra barba in mento.

11Lantora me ne ven quasi da rie
Perchè sò che de barba voi no hauei:
Me vego sozzo dentro speggio asie,
E voi si gracioza, e bella sei:
A no va così ancora, e digo mie
Ro proprio ne vorreiua, pù sauei:
E si ghe penso sù, tanto che mi
Trouo in fin che ra cosa va così:

[p. 91 modifica]


12Trouo che l'è miracoro d'Amò
Pò che de voi son tanto inamoraou,
Chi me fa questo nouo e gran fauò
Dro quà ghe resterò sempre obrigaou,
O fa che sta comeigo ro me Sò,
E quando dormo, e quando son dessaou,
E ande pu lonzi quanto vorei voi,
Sei per forza d'Amò sempre con mi.

13Così mi no bezogno d'Impentò
Chi ve veghe, e ne caue ro retreto
Dapò che dri boin Meistri ro megiò
De so man così bello me l'ha feto:
Ro Meistro che mi digo è un gran segnò
E senza pagamento o me l'hà deto,
E ro retreto ha tà proprietè
Che mi solo ro vego sempre moè.

14E tutti i atri se ro voren vei
No ro pon vei se no v'aguardan voi,
E se voi mesma ro voressi vei
Voi no poei manco senza un spegio vui;
De moò che quanto tocca pe ro vei
Goo da voi quarche auantagio mi,
Ma quanto tocca pò pe ro toccà
Voi hauei auantagio, e no se po negà.

[p. 92 modifica]


15Ee vi dapò da quella vota in zà
Su ra chiazetta de messè Lionardo;
Vn di de festa che passei de la
In compagnia de me compà Bernardo:
Ra gracia vostra li me saruà,
Con doce chiera, e con honesto sguardo
Per no esse descorteize a ro saruò,
Che voi haueiui da mi lantora hauuo.

16E da ro Sò ra nuuere leuassi
Per poeime saruà como se dè
Lantora si che voi m'abarlugassi
Dè sà como aconsassi Bernabè:
Quando ra bella chiera voi mostrassi
Ro nobile atto tanto me piaxè,
Che ro gran ben che ve voreiua prima,
Fe quello di ro cormo fin in cima.

17E como d'esse sauia voi mostrè
Che ro sei ancora in feti conoscei:
E in voi regna virtù, senno, e bontè,
Quanto posse a ro mondo figia hauei:
E ornà de cosi rere qualitè
Che ve pon tutte i atre inuidia hauei,
Corteze, bella, virtuosa, e bona
D'Imperio degna, e de Reà corona.

[p. 93 modifica]


18E si parei Regina dre Reginne
Con ra bella presentia, e maieste,
E tutte i atre han chiera de zaninne
Si poeren chieustri, e bergore acartè:
Se fossen viue quelle Fior de spinne
Olimpia, Bradamante, e quelle tè,
Ra spozà de Medoro, e i atre belle
Ve porreiua seruì per damixelle.

19E si come hauei nome Margarita
Ch'una perla significa in vorgà,
Sei quella precioza Margarita
Che tutto l'oro no ra po acatà.
Si sei, e sarei sempre ra me vita
Vaghe ro mondo como o vogie andà,
No digo bella figia atro per aura
Tegnime in gracia de vostra amia Laura.

20E ve baxo con grande reuerentia
Ra bella man genti, e delicà
E ro mesmo aora fà chi de presentia
Prontissimo a seruiue mè compà
E con questo da voi piggio licentia,
Ra penna alogò dentr'ò caramà:
M'arrecomando a voi, steuè con Dè
A piaxei vostro Bernabè Cazè.

[p. 94 modifica]


DEL MEDESIMO,



QUANDO un fresco, suaue doce vento
A ra saxon chiù bella a ra megiò
Trepà intre fogie sento
E pà cho spire Amò:
Me uen in mente quella
No Donna zà ma Stella,
Quando ro ventixò ghe sta a trepà
Dentri cauelli e ghe ri fa mescià.

2Quarche uota che sento i Oxeletti,
Como sareiua a dì ri Rosignò
Cantà su i Erboretti
Ri vaghi versi sò:
L'accorto raxonà
E ro gentì parlà
Me ven de quella ingrata dentro cò,
Ch'è atro cha sentì ro Rosignò.

3Quando mi vego quarche prao sciorio
Gianco, giano, incarnato, e Porceletta;
Couerto, e ben vestio
De verde, e frescha herbetta:
In cangio d'alegrame
Chiù sento apassioname
D'una sciò strannia chi no ha proprie fogie
Ma re cangia secondo re so vogie.

[p. 95 modifica]


4Quando mi vego quarche bosco grande
D'Ormori, e de Supressi, Erexi e Pin,
Con i erbori dre Giande
Re Sorbe, e i Ermorin:
A ro me Cò me pà
De poeiro asomegià,
Che ro me Cò un bosco si s'è feto
Tente re frecchie son che Amò g'ha treto.

5E quando vego quarche egua corrente
Luxi como un Crestallo netta e chiera,
Che chi ghe pone mente
In fondo ve ra gera,
E dentro si ghe brilla,
Ro Pescio con l'Anghilla:
A ro mormorà so piaxeiue, e lento
Che Amò no fà giustitia me lamento.

6Quando ro Mà è grosso, e scorrosaou
Contra ri scogi ri maroxi o batte,
E de longo è alteraou
Fin che con lò o combatte:
Cosi se l'è astrià
Quella Nerona pà,
E mi ri scogi fermi e pacienti
A ri torti, a i ingiurie, a ri tormenti.

[p. 96 modifica]


7Quando mi penso che ra Tramontanna
E ghia de chi va pe ra marina;
E sempre ra Dianna
Innanzi di camina:
O me souen lantora
Che in strannia forma ogn'hora,
Una atra stella, ma chiù assè luxente
Ghia como a vo ra me vita dolente,

8Quando ro mondo è scuro e tenebroso
Ero Cè s'arue, e se [vè] fora insi
Vn lampo luminoso,
Chi i ere fa luxi;
E ro gran lume so
L'ogio aspeità no po;
Me pà ro lampo chi fa strangosciame
Se a quella Tigre piaxe d'aguardame.
 
9Quando in tempo seren'Eclipse fà
Con marauegia aguarda ognun la sù
Ni ro gran lume zà
Ven como prima chiù;
Cosi quella crudera
Se a croue ra so chiera
Con un chiumaso, o velo delicaou
A pà ro gran Pianeta ineclipsaou,

[p. 97 modifica]


10Quando si bello, e cosi vago apà
L'erco Celeste de coroi listaou
Quello coasso pà
Chi m'hà ro Co ligaou,
E se ro Sò compà
De nuuere acercchiaou,
O me pà veira le descauegià
Co ro capello ch'a se sta a sciugà.

11Quando ro Sò ra seira se ne và
E ro giorno con seigo se ne porta,
Nuoete assè presto sà
E ogni coro s'amorta;
Se ro me So va in Cà
Como l'è dentra porta,
Tutta ra terra uon che ra contrà
Un'afforozo Limbo si me pà.

12Quando a ra stè vego ra Lunna in ere
Chi pà ch'a no se moue, e fa camin,
E de corò son i ere
D'Azuro oltramarin;
In Cò me ven quell'unna
Chiù bella assè dra Lunna
Se depoi cena a se ne sta assetta
In Villa aro barcon de caminà.

[p. 98 modifica]


13Quando a ra notte un spegio pà ro Cè
Tutto depento, e recamaou de Stelle,
Me pà de ver derrè
Vei quelle trese belle,
Che ri frexetti sò,
Re scioi, ri pointeiro,
Stelle deuennen dro Sidereo Coro,
Como han tocao quelli cauelli d'Oro.

14E quando veggo po ro Sò leuaou
Chi sciuga ra Rozà ch'è sù l'herbetta,
Ro Cè netto, e spassaou
Srnza unna Nuueretta,
Ra chiera vei me pà
De quella dexirà,
Chi esce de casa inseme con so Moere
E fa luxi ro Mà, ra Terra, e i Ere.

15In concruxon, quando mi vego, ò sento
Fiume, Erco, Eclipse, Oxelli, Bosco, Praou,
Sò, Luna, Stelle, Ventò,
E Lampi, e Mà astriaou,
Ro Polo, e l'Oriente,
Ro Mezzodì, e Ponente
E ogni atra cosa bella in Terra e in Cè,
Me pà che l'hagie dentro i ogi lè.

[p. 99 modifica]


16Ma se veggo lè mesma che me pà:
Cosa è de mi quando ra vego lè,
N'hò chiù che dexirà,
E d'esse me pà in Cè;
Si me sento cangià,
E trasformame in le,
Onde me tocco à vei se mi son mi
O pù quarch'atro chi m'aspete li.
 
17O versi mè, chò zà bagnaou de chiento
E po co ri sospiri v'ho sciugaou
Quanto martello sento
E s'ho ro Cò infrecchiaou,
Ognun chi ve veria
Da voi l'intenderà,
Però ve n'anderei dauanti a quella
Figia d'ogni atra chiù crudele e bella.

18Se ghe direi. Che se ben n'ho speranza
D'otegnì moè da lè nissun fauò,
E in pari soe d'usanza
E mà inchietao l'Amò,
Mi pù l'honoro, e l'amò
E sempre moè ra bramo:
Che virtuoso, e sento è ro me fin,
E ro ben che ghe vogio si è dro fin.

[p. 100 modifica]


ENIGMA DRO MESMO SEGNO
BERNABE.



DE Lazaro trei pezi vui farei
De Vincenzo atre tenti ghe ne voe
De Nicolò ro mesmo ancon fà dei
D'Amò ni chiù ni men fene da puoe.
De tutti quatro solo piegierei
Ro primo pezo, e i atri lascie fuoe
Meteiri in schera, e veirei monto ben
Chi è quella lera che ro cuoe me ten.

2E se vorei sauei ro parentou
Dra Dea dro terzo cè trei pezi fe
Dro Dè marin tenti n'haggie pigiou
Così de chi fonda Roma cittè
Ni chiù, ni men dro Dè sciarapatou
Meteiri in schera, e puoe che ghe i haggie
Vui ne farei cosa hauei feto allò
De i atri compagnoin con Nicolò.


Liueregha dre Rime dro Segnò
Bernabè,