Rime diverse in lingua genovese/A Barbara reginna dro me cuoe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Barbara reginna dro me cuoe

../A messè Angero Saoli Strè ../Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero IncludiIntestazione 5 gennaio 2014 75% Da definire

A messè Angero Saoli Strè Rime del Sig. Barnaba Cigala Casero
[p. 80 modifica]


A Barbara regina dre me cuòe,
Che mondanna serrà stà con re Suoe.

Se ben chiù da ra Grè no mostre chiera.
L'annimo ch'a voi drizzo da tutt'hora,
Fa che mi veggo Barbara crudera,
Ra bellezza di voi chi m'innamora,
E donde hora voi ste, mi vorentera,
Con ro corpo serao stareiua ancora,
Che ra me libertè serrà sta liè,
Si che fora, in prexon me poero mie.

2Come voi de bellezza superè
Ogni Donna terrestre, e ogni fantinna,
Così megio d'ogn'atra voi cante
Perche bellezza e voxe hauei diuinna,
E un pareizo parei ra prexon fè
Donde stè voi chi sei de bontè chinna,
Si che chi v'ode e mira bella suoè,
Ha in pareiso, i oreggi, i oggi, e cuoè,

[p. 81 modifica]


3Quanto ro Sò dre stelle luxe chiù,
Tanto ro Sò de luxe auanze voi,
Ni maraueggia è za se voi za zù,
Chiù cha ro Sò dro Cè fe lume à noi,
Perche un soretto Sò se ve lassu,
E voi sotta ri ceggi n'hauei doi,
E s'esti Soi d'un vello v'ascondessi,
Ro de d'Amò chi è orbo voi parressi.

4Bella sei voi, si hauei bell'ortigiò,
Che de man vostra lauora vorrei,
Per passatempo, e beiue ghe de pò
Si che bell'incizame ghe cuggiei,
Ro quà mangiando à voi tocca ro cuò
E da dane a i amixi ancon n'hauei,
Ma in cangio d'incizame tutta via
A mi dè scioi de doggia e giroxia.

5Mi Barbara ve chiamo con raxon,
Perche re donne barbare de cuoe,
A pè de voi pietose di se pon
Se ben pietosa e doce parei fuoe,
Però ben stè serrà com'un leon,
Perche se fora andassi bella suoe,
Con ra bellezza ogn'homo ligheressi,
E dra cruezza morte ghe daressi.

[p. 82 modifica]


6Come ra gratia e vera gentilezza,
E ro fà per amò dre cortesie,
Accrescie in belle Donne ra bellezza
E ra strè dro pareizo gh'arue chie,
Così fa ra desgratia e ra cruezza,
Parr è re belle Donne brutte strie;
Perche tormentan, chi ri honora e loa,
E honestè chiaman ra cruezza soa,

7E andàse cren per questo, drite in Cè,
Ma à casa se ne van de Barrachin,
Che tanto belle no i hà fete Dè,
Perche tormentan noi seira e matin,
Che Dè sempre ne zoa, e vorente,
Se chiega a ro pregà de noi meschin,
E ghe deschiaxe asse re creature,
Chi stan con chi re prega sempre dure.

8Se ben ro miserere voi cantè
E fè grand'astinentie, e disiprinna,
Se mi che v'amo, a torto tormentè
Ve punira l'ata bontè diuinna,
Donca arui me dei l'oggio de pietè
Pò che v'ho feto dro me cuoe reginna,
E a mi voi dei mostraue in carne, e in osse,
Azzo che de vui sempre cantà posse,

[p. 83 modifica]


9Se ben ro bello corpo serre liè,
Ro nome vostro no ghe poei serrà,
Perche o' ua scorratando chi e liè,
E fa de voi tutt'homo innamorà,
Ma chiu de tutti i atri v'amo mie,
Se ben per premio morte m'usè dà
Che chiu per voi morì gusto entro fogo,
Che de goe per atre in festa e in zogo.

10Comeigo esse crudera infin no dei,
Perche amà dei chi v'ama de raxon;
E se goe a ro Mondo, e in Cè vorrei
Haueime bella sò dei compasson,
Perch'atramenti in terra patirei,
Si anderei puossa in bocca dro Dragon
Però quando de mi pietè nc hauessi,
Fà ben per vostro ben, me deueressi.

11Con voi vorreiua stà sempre serraou
Perch'orba è senza voi questa Cittè
E tanto ben de fo no è restaou
Quant'ha ro logo solo onde voi stè,
Ma pò che stà con voi m'è deuiaou
Ni chiu Barbara bella me parlè,
Mi per vei re muraggie vegno là
Donde con voi serrao ro me cuoè stà.

[p. 84 modifica]


DOnna si gianca como mi no trouo
Si no siazzo como quella e questa,
Perche chiu gianca son d'un Mortà nouo,
E ra camiza da ro di de festa,
Mi son chiu gianca, d'un bello fresco ouo
E son chiu gianca, cha ro porro in testa,
E infin mi son chiu bianca d'un recotto
Si son chiu rossa cha un gambaro cotto.


MI ro Sò mesmo venzo de sprendoi
Non che ra Lunna, e ra Dianna stella,
Perche in cangio d'un Sò sempre n'ho doi
Sotto ri ceggi dra mè chiera bellà,
E son pu tauto chieri esti me soi
Ch'un lume pa ro Sò de Chiarabella,
Per questo ascoso ò sta se vaggo attorno,
E luxan ri mè Soi ra notte, e giorno.


SE crè che l'ame questo Polidoro
Per fa dra Ninfa, e fa dra bella vitta,
E per portà derrè ro pugnà d'oro,
E per fame derre sempre ra vitta.
Ma mi voggio atro cha cauello scioro
Perche questi Narcixi ho troppo in gritta
Chi fin à ro rossetto s'usan mette,
Si che fan danno à Figgie, e a Zouenette.

[p. 85 modifica]


PEnsa che l'ame esto scompiscia canti
Ma a ra fin ghe farò mena ro pè.
Che so che pari sò, no son costanti
E a quante donne ven corran derrè,
5Si ne vergognan poscia su ri canti
Perche requiutan tanto vorentè,
Che como de sott'han Donne, e fantinne,
Re fan vegnì so schiaue de Reginne.


SE ben de fuò parei guerzo, e straloggio
10Perche uze ri spegietti per costume,
D'intelletto hauei dentro si bon'oggio
Che nasce l'erba vei, si ne fè lume,
Però chiu tosto voi per sposo voggio,
Che quarchun che mille oggi hauei prezume,
15E i atri vo ghi à ro meschinetto,
Si ha mestè dro baston com'un orbetto.


DEh piggiame Bargaggia per gallante
Che megio de Tognin te voggio mie,
E son de lè chiu bello, e brauo fante
20Si ho chiu de lò gran Bestiame assie,
E un chiauacuò mi te farò galante
Con trei pezzi da lao chi pendan lie.
Chiu grossi, e belli che no gha Togninna
Si te terrò de tutto ra cha chinna.

[p. 86 modifica]


SE per Mario ti me piggi mie
Vn bello tempo inseme se daremo,
E ro to con ro me voggiando tie,
4Inseme tutto quanto meschieremo,
E crescie tanto ro faremo chie
Ch'in pochi meixi noi l'addoggieremo,
Che stago sodo, e tegno à cha ra testa
8Ni derrè vaggo à quella brutta, e questa.


SE ti mi piggi infin bella Fantinna
In man tutto ro mè te voggio mette,
E à cha te porterò ra borsa chinna
12E sempre te farò mille fraschette,
E ra tò dotta chi aura è picchieninna
T'accrescierò, si me parrà che tette,
Si te farò portà ra coa assie
16Derrè ra roba como s'usa chie.


DEntra fontanna d'unna Garzonetta
Vossi beiue l'atrè per refrescame,
Chi m'arui ta canà dra fontanetta
20Perchè ra sea megio poesse trame,
Ma in cangio de beiue egua fresca e netta
Amò dentra mesma egua fè bruxame,
Quà donca trouerè seguro logo
24Se dentre l'egua asconde Amò ro fogo?