Satire (Persio)/III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Satira III

../II ../IV IncludiIntestazione 3 ottobre 2011 100% Da definire

II IV


[p. 35 modifica]

SATIRA III.


Un Pedagogo, ed un Giovine


Sempre così? Già chiaro s’introduce
     Per le finestre il sole, e li spiragli
     3Angusti allarga la diffratta luce.
Russiam quanto a schiumar l’ambra, che smagli,
     Di campano Lieo sarebbe assai,
     6Finchè il gnomon la quinta linea tagli.
Cuoce Sirio furente, (a che più stai?)
     L’arse messi da un pezzo, e tutta è sotto
     9Ai lati olmi la greggia. G. Oh che di’ mai?
E fia vero? Ehi di là: quì alcun di botto:
     Nessun? — La bile allor lampeggia; i piedi
     12Batte il monello, nel gridar sì rotto,
Che le bestie ragliar d’Arcadia credi.
     Già libro, e carta, e canna, e bicolore
     15Liscia membrana nella man gli vedi.
Or duolsi che dal calamo l’umore
     Goccia un po’ grosso, ed or che per infusa
     18Tropp’acqua il nero dell’inchiostro muore;
Or la cannuccia, che fa scorbj, incusa.
     P. Uh poverello! e ognor più poverello!
     21E a tal siam giunti? Per miglior tua scusa

[p. 37 modifica]

Perchè pari a colombo tenerello,
     O a regal putto non chiedi la pappa,
     24E ricusi ingrugnato il ninnarello
Della nutrice? G. Ma con questa schiappa
     Scriver poss’io? P. E a cui cre’ tu ficcarla?
     27Tante ambagi a che pro? Ti dai la zappa,
Balordo, al piè: degli anni il fior si tarla,
     Sfuma in effluvio, e tu n’andrai sprezzato.
     30Vaso mal cotto, e ancor verdiccio, parla
La sua magagna, se il percuoti, e ingrato
     Suono risponde. Adesso è tempo, adesso,
     33Finchè limo tu sei molle e bagnato,
Che con presto girar non intermesso
     L’acre ruota ti foggi. G. A che tal cura?
     36Il paterno poder me in grado ha messo
Da non temer miseria: ho monda e pura
     La saliera; di più padella intatta,
     39Onde ai Lari libar senza paura.
P. E ciò basta? Ti par cosa ben fatta
     Romper d’aria il polmon, perchè discendi
     42Millesmo ramo di toscana schiatta?
Perchè un Censor, cui tuo sangue pretendi,
     Trabeato saluti? E dentro, e fuora
     45Io ti conosco: alla canaglia vendi
Le tue burbanze. E non vergogni ancora
     Di vivere la vita dello scinto
     48Natta? Quantunque da scolparsi ei fora.
Perchè grullo nel vizio, e i sensi avvinto
     Di tre dita di lardo ei più non sente
     51La sua jattura, e giù nel fondo spinto

[p. 39 modifica]

Più non ritorna a galla. Onnipossente
     Giove, i tiranni non voler punire
     54D’altra guisa tu mai, quando fervente
Di venen, li talenta un rio desire.
     Li strazj la virtù vista, e lasciata.
     57Più lugubre s’udía forse il muggire
Del tauro agrigentin? brando d’aurata
     Trave sospeso forse una cervice
     60Atterrì di diadema incoronata,
Più che interno rimorso un infelice
     Che a sè dica: me lasso! io son perduto!
     63E tremi in cor, sì ch’anco all’amatrice
Fedel consorte il perchè sia taciuto?
     Sovviemmi, che d’oliva io gli occhi ugnea
     66Fanciul, se l’alte di Caton feruto
Sentenze recitar non mi piacea;
     Cui lodar molto il pedagogo iroso,
     69E udir sudante il genitor dovea
Con gl’invitati. E a dritto: chè pensoso
     Non d’altro io m’era allor, chè del sapere
     72Quanto guadagna il sei, quanto il dannoso
Asso perde, e mandar netta a cadere
     Nel brev’orcio la noce, e il più scaltrito
     75Nel rotar del paléo farmi tenere.
Ma tu, che scerni il vizio, ed erudito
     Se’ di quanto il Pecile, di bracati
     78Medi a fresco dipinto, ha profferito;
Ove insonni allo studio, e il crin tosati
     I giovinetti vegliano, di gialle
     81Grandi polente, e di baccel cibati;

[p. 41 modifica]

Tu, cui mostra alla dritta il miglior calle
     La Samia lettra, in due rami partita,
     84Tu ancor russi? E col capo su le spalle
Cadente, e tutta stirando la vita
     Sbadigli sì la crapola di jeri,
     87Che par che la mascella abbi scucita?
Ma dinne: ad alcun segno i tuoi pensieri,
     I tuoi strali hai tu dritti? o a’ corbi ir dietro
     90Quà e là con sassi e zolle è tuo mestieri?
E vivere a giornata, e innanzi indietro
     Gir col capo nel sacco? All’epa è vano
     93L’elleboro, se gonfia è fuor di metro.
Al mal che viene occorri; e a starti sano
     Non ti fia d’uopo un monte di monete
     96Promettere a Cratéro. Il come arcano
Delle cose, infelici, ah conoscete!
     L’uom chè sia, perchè nasca, e perchè viva,
     99D’onde partir, dove piegar dovete;
Qual regola civil, qual si prescriva
     Modo all’oro, qual sia desir permesso,
     102L’util fin dove del danaro arriva;
Quanto alla patria, e a’ suoi ne va concesso,
     Qual ti comanda, ed in qual posto il Nume
     105Nell’umana repubblica t’ha messo.
Questo impara, nè invidia ti consume
     Se ricca altrui dispensa olir si sente
     108Di molt’unto, di pepe, e di salume,
Dei pingui Umbri difesi, o di clíente
     Marso grati ricordi; e se il primajo
     111Bugiuol d’acciughe ancor gli spalma il dente.

[p. 43 modifica]

Qui alcun dirà centuríon caprajo:
     Quel ch’io so m’è d’assai. Non i’ esser detto
     114Un Arcesila cerco, un pien di guajo
Solon, che gli occhi a terra, il mento al petto
     Brontola seco, ed acri idee maciulla,
     117Col labbro in fuor pesando ogni concetto.
E che diavolo alfin pel capo ei rulla?
     Sogni d’inferma età: nulla crearsi
     120Dal nulla, e nulla ritornar nel nulla.
E ciò ti sbianca? e i desinar fa scarsi? —
     E quì ridere il volgo, e i ragazzoni
     123Crispar tremulo il naso, e smascellarsi.
Che un egro dica al Fisico, supponi:
     Guarda, dottor; la causa m’è nascosa,
     126Ma i polsi andar mi sento a balzelloni:
E grave assai nella gola affannosa
     Pute il fiato; m’esamina ben bene.
     129E quei: ti guarda da stravizzi, e posa.
Poiché quetate circolar le vene
     Sentì l’egroto nella terza notte,
     132Chiede il bagno, e un fiaschetto in pria di lene
Sorrentin cionca di patrizia botte.
     — Che festi, amico mio? Tu m’hai figura
     135Da morto. — È nulla. — Che che sia, dirotte
Che porvi tutta ti convien la cura.
     Ve’ che ti serpe tacito un giallore
     138Su per la pelle. — Tu più ch’io l’hai scura.
Non curarmi i miei fatti; il mio tutore
     L’ho sepolto ch’è un pezzo, e tu sol resti.
     141— Tira innanzi, io mi taccio. — Ito il dottore,

[p. 45 modifica]

L’altro lo scialbo ventre d’indigesti
     Cibi infarcito giù nel bagno affonda,
     144L’alito pregno di sulfuree pesti.
Indi al soverchio sbevazzar seconda
     La parlasia, che il calido bicchiere
     147Dalla mano gli sbalza tremebonda.
Croscian scoperti i denti, e dalle nere
     Pendule labbra gli casca il guazzetto.
     150Quindi le tube, e le funeree cere.
Steso e beato alfin nel cataletto,
     E d’aromi inzuppato, irrigiditi
     153Slunga ver l’uscio i piè: poscia in berretto
L’indossano i da jer fatti Quiriti.
     Poni or, misero, al cor la destra, e tenta
     156I polsi. Come van? G. Freschi e spediti.
P. Delle mani, e de’ piedi esperimenta
     L’estremità. G. Son calde. P. A maraviglia.
     159Ma se gran mucchio d’ôr ti si presenta,
Se donzelletta di leggiadre ciglia
     Molle sorrise dal balcon vicino,
     162La díastole, di’, non si scompiglia?
Freddo di duri erbaggi ecco un catino,
     E vil focaccia di farina scossa
     165Da setaccio plebeo. Via, signorino,
Proviam la bocca. Ohimè! che ti s’infossa
     Nel tenero palato una postema,
     168Cui non bisogna esasperar con grossa
Bieta. Dici esser sano; ed or la tema
     D’ariste in guisa il pel t’arriccia, or ratto
     171L’occhio dall’ira disfavilla, e trema.

[p. 47 modifica]

Bolle il sangue siccome calefatto
     Per sottoposta vampa; e con le creste
     174Dici, e fai cose, che d’uom propio matto
Le giurerebbe il re de’ matti Oreste.