Se conceduto mi fosse da Giove

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

S Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Sonetti Letteratura Intestazione 16 luglio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


[p. 79 modifica]

   Se conceduto mi fosse da Giove,
Io non potrei vestir quella figura
Che questa bella donna fredda e dura
Mutar facesse dell’usate prove:
   5Adunque il pianto che dagli occhi piove
E ’l continuo sospiro e la rancura
Con la pietà della mia vita oscura
Neente è da ammirar se lei non move.
   Ma, se potessi far come quel dio,
10’Sta donna muterei in bella faggia
E mi farei un’ellera d’intorno;
   Et un ch’io taccio, per simil desìo,
Muterei in uccello, che ogni giorno
Canterebbe su l’ellera Selvaggia.