Signor, e' non passò mai peregrino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Cino da Pistoia

XIV secolo S Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Signor, e’ non passò mai peregrino Intestazione 20 agosto 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)


A DANTE ALIGHIERI


[p. 125 modifica]

     Signor, e’ non passò mai peregrino
O ver d’altra maniera viandante
Con gli occhi sì dolenti per cammino
Ne così greve di pene cotante;

[p. 126 modifica]

     5Com’io passai per lo monte Apennino;
Ove pianger mi fece il bel sembiante
Le trecce bionde e ’l dolce sguardo fino;
Che Amor con l’una man mi pone avante,
     E con l’altra in la mente mi dipinge
10Un piacer simile in sì bella foggia,
Che l’anima guardandol se n’estinge;
     Poscia dagli occhi miei mena una pioggia
Che ’l valor tutto di mia vita stringe,
S’io non ritrovo lei cui ’l voler poggia.