Splendor del ciel vaga fioretta Alisa

Da Wikisource.
Franco Sacchetti

XIV secolo S Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Letteratura Intestazione 16 ottobre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV/Franco Sacchetti


[p. 371 modifica]

Fatta per un giovine che amava Lisa


     Splendor del ciel vaga fioretta Alisa
Produsse in terra, ov’il mio cor s’affisa.
     Con quelli raggi che la mente accese,
4Vivo suggetto sempre a seguir lei:
E perchè mai di me pietà non prese,
Umile vo con pene e con omei,
Sperando pur ch’alli tormenti miei
8Divegna pia, c’hanno l’alma conquisa.

[p. 372 modifica]

     Come che sia, io ti ringrazio, Amore,
Che servo fatto m’ha’ di cosa tale;
E sempre l’amerò di fermo core,
12Se fermo core a niuno amante vale;
Che suo sono e d’altro non mi cale.
Fin che l’alma dal corpo sia divisa.