Supplemento alla Storia d'Italia/LIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LIX - Bonaparte comunica al Direttorio la felice riuscita dell'affare di Modena, e fa il quadro della disposizione de’ diversi paesi d'Italia verso i Francesi

../LVIII ../LX IncludiIntestazione 17 settembre 2009 75% letteratura

LIX - Bonaparte comunica al Direttorio la felice riuscita dell'affare di Modena, e fa il quadro della disposizione de’ diversi paesi d'Italia verso i Francesi
LVIII LX


[p. 102 modifica]


Dal Quar. Generale di Milano il di 20 vendemmiale anno 5

(12 Ottobre 1796)


LIX - Al Direttorio esecutivo.


L’affare di Modena, cittadini Direttori, ha avuto il migliore esito: questo paese è contento, e felice, vedendosi sciolto dal giogo che lo aggravava. In questa città i patriotti sono numerosi. Troverete qui uniti diversi stampati, che vi metteranno al fatto della tortura che dò [p. 103 modifica]alli spiriti, onde opporre fanatismo a fanatismo e renderci amici quei popoli, che diversamente diverrebbero nostri accerrimi nemici. Troverete qui l’organizzazione della Legione lombarda. I colori nazionali che hanno adottato sono il verde, bianco, e rosso. Tra gli uffiziali ve ne sono molti Francesi, gli altri sono uffiziali Italiani, che da molti anni si battono con noi all’armata d’Italia. Il capo della brigata è un certo Lahoz milanese, stato ajutante di campo del generale Laharpe. L’avevo preso meco, ed è conosciuto dai Rappresentanti che sono stati all’armata d’Italia, nominatamente dal cittadino Ritter. Troverete quivi unito uno scritto dell’organizzazione che penso dare alla prima Legione italiana. Su tal proposito ho scritto ai Commissarj del governo, perchè i Deputati di Bologna, Modena, Reggio, e Ferrara si riuniscano in congresso: questo si farà il 23. Nulla tralascio di ciò che può dare energia a questa immensa popolazione, e volgere gli animi in nostro favore.

La Legione lombarda sarà pagata, vestita, equipaggiata dai Milanesi. Per far fronte a tale spesa sarà necessario autorizzarli a prendere l’argenterie delle chiese, che ascendono presso a poco a un milione. Troverete varie lettere con diverse postille del cittadino Cacault. Tutto dimostra che fra un mese grandi scosse soffrirà l’Italia. In questo tempo farà duopo aver concluso un’alleanza con Genova e col re di Sardegna. Forse farete ottimamente a concludere la pace col re di Napoli. Ho rinviato a Torino il cittadino Poussielgue per continuare la sua negoziazione, e gli ho detto di istruirvi direttamente da Torino dell’esito di questo secondo abboccamento. Procurate soprattutto che sia informato della nostra posizione attuale con Napoli. Sapete che ho 2,400 uomini di cavalleria napoletana, che faccio sorvegliare, ed il di cui spirito bisognerebbe guadagnare, se noi avremo ragioni più forti di diffidare di Napoli. Se agissero per parte loro nel medesimo tempo che gli Austriaci, e le altre potenze, ciò sarebbe per noi un aumento d’imbarazzo. Nel mese di termidoro, quando io mi dirigeva verso Brescia, meditava di farli arrestare, ma non l’osai. Il generale Serrurier mi scrive di Livorno che anche il [p. 104 modifica]Granduca arma. Per quanto mi permette la mia salute, crediate che non risparmierò niente di quanto sarà in mio potere per conservare l’Italia. Troverete qui unita una lettera del cittadino Faypoult: mi sembrerebbe che dopo ciò si dovesse negoziar l’affare di Genova a Parigi, e che noi abbiamo fatto bene a non mescolarvisi. Questa condotta ispira sospetto al Governo genovese. Ritorno al mio principio, impegnandovi a far accordo dentro un mese con Genova, e Turino.