Vita del glorioso martire s. Secondo (1823)/Dedica dell'editore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dedica dell’editore

../Incisione ../Vita del glorioso martire s. Secondo cittadino d'Asti IncludiIntestazione 14 gennaio 2012 100% Cristianesimo

Incisione Vita del glorioso martire s. Secondo cittadino d'Asti

[p. s.n. modifica]

Rever.mi Sig.ri Canonici

dell’Insigne Collegiata

DI SAN SECONDO.






Già da varj anni io aveva divisato di ristampare la Vita dell’immortal nostro Patrono; essendo anch’io persuaso, che le vite de’ Santi non possono mai essere di soverchio note, come quelle, che [p. s.n. modifica]ad uno stesso tempo ispirano il rispetto alla Religione, e l’amore della virtù; ma frastornato essendo da’ diversi ostacoli attendeva un’occasione opportuna per dar mano a questo lavoro; ora quale circostanza più favorevole si poteva da me desiderare di questa, in cui il nostro religiosissimo Sovrano, nulla omettendo di ciò, che può influire al rassodamento, ed al lustro maggiore del Culto Divino, si degnò d’accordare ai voti di questa Città lo ristabilimento dell’insigne vostra Collegiata? E che dessa è stata riempiuta di persone, come Voi siete, per tanti titoli degni della pubblica stima? [p. s.n. modifica]

E qui mi verrebbe in acconcio di tessere li Vostri encomj, se la mia penna fosse capace di trattare un tanto argomento, e se la Vostra modestia a me lo permettesse; ma sapendo tutti, con quanto fervore, e zelo Voi promovete la venerazione del Gloriosissimo Martire SAN SECONDO, io mi restringerò ad umilmente pregarvi ad accettare la dedica della sua vita; ed a chi più convenientemente potrei dedicare la medesima che alle SS. VV. Reverendissime? Degnatevi dunque di riceverla sotto il Vostro valevole patrocinio, che, venendo da me questa pubblicata coi Vostri favorevoli auspizj, sarà [p. s.n. modifica]a Voi di gloria, d’aggradimento al Pubblico, ed a’ Lettori di non poco profitto.

E con tale speranza a Voi la presento, supplicandovi ad aggradirla come un attestato sincero del mio ossequioso rispetto, col quale ho l’onore di essere


Delle SS. VV. Rever.me

Umil.mo, Dev.mo, ed Obb.mo
Servitore
FRANCESCO PILA.