Alla contessa Giuseppina Lampertico-Valmarana di Vicenza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Zanella

1860 A Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura Intestazione 19 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 107 modifica]

ALLA CONTESSA

GIUSEPPINA LAMPERTICO-VALMARANA

di vicenza

NEL SUO GIORNO ONOMASTICO

19 Marzo 1860.

___


     Quando ti miro della tua famiglia
Seder nel paradiso e de’ tuoi cari
     Fissando in volto l’amorose ciglia
4Divinarne i pensier dolci od amari:

     Quando ti miro a’ bei lavori intenta,
D’una lampa al chiaror, con un sorriso
     Costante sulle labbra e la contenta
8Anima tutta sfavillarti in viso;

     Donna, il tuo cor ben leggo. A te soave
L’inno non fora, che chiedesse al cielo
     Per te le perle che britanna nave
12Porta a fregiar delle regine il velo:

[p. 108 modifica]

     O ti desse a regnar l’avventurose
Isole, dove un dì fate e sirene
     Visser tra grotte di smeraldo ascose
16E fiumi che volgean d’oro l’arene.

     Altri sono i tuoi voti. Innamorata
De’ lari tuoi, qual tortora che asconde
     Sotto le piume i pargoletti e guata
20Tremante, se stormir oda una fronde,

     Tu vivi per altrui: lieta se miri
Giulivo il tuo drappello al desco accolto:
     Di cordoglio atteggiata e di sospiri
24Se sieda il duol di que’ diletti in volto.

     Vita arcana d’amor, profondo foco
Che ti divampa nell’ingenuo core,
     Di sante gioie consolando il loco,
28Ove hai regno, o gentil, regno d’amore.

     Cotal arde bruciando e si consuma
L’incenso; ma d’eterëa fragranza
     Un nembo, che le quete aure profuma,
32Di vortici beati empie la stanza.

     Vivi pe’ tuoi! Come fulgor di sole
Da molti specchi ripercosso intorno,
     L’amor tuo dallo sposo e dalla prole,
36Doppiando i raggi, a te farà ritorno;

[p. 109 modifica]

     Tal che di blanda luce circonfusa,
Vittrice dell’età, che discolora
     Crespo sembiante di beltà delusa,
40Tu vaga splenderai d’eterna aurora.