Amorosa visione/Capitolo VI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo VI.

../Capitolo V ../Capitolo VII IncludiIntestazione 17 aprile 2016 75% Da definire

Capitolo V Capitolo VII
[p. 25 modifica]

CAPITOLO VI.




Come l’autore vede dipinto nella bella sala la Gloria del mondo in atto d’una donna.


Al suon di quella voce grazïosa,
     Che nominò il maestro, dal qual’io
     Tengo ogni ben, se nullo in me sen posa:
Benedetto sia tu, eterno Iddio,
     5C’hai conceduto ch’io possa vedere
     In onor degno ciò ch’avea in disio,
Incominciai allora, nè potere
     Aveva di partir gli occhi dal loco,
     Dove parea il signor d’ogni savere,
10Tra me dicendo: deh perchè il foco
     Di Lachesi per Antropo si stuta
     In uomo sì eccellente, o dura poco?
Viva la fama tua, o ben saputa
     Gloria de’ Fiorentin, da’ quali, ingrati,
     15Fu la tua vita assai mal conosciuta!
Molto si posson riputar beati
     Color che già ti seppero, e colei
     Che ’n te s’incinse, onde siamo avvisati.

[p. 26 modifica]

Io riguardava, e mai non mi sarei
     20Saziato di mirarlo, se non fosse,
     Che quella Donna che i passi miei
Là entro con que’ due insieme mosse,
     Mi disse: che pur miri? Forse credi
     Rendergli col mirar le morte posse?
25E’ c’è altro a veder che tu non vedi:
     Tu hai costì veduto; volgi omai
     Gli occhi a que’ del mondan romore eredi;
I quali, quando riguardati avrai,
     Di quinci andremo, che lo star mi sgrata.
     30A cui io dissi: Donna tu non sai
Neente, perchè tal mirar m’aggrata
     Costui cui miro, che se tu il sapessi,
     Non parleresti forse sì turbata.
Veramente se tu il mi dicessi
     35Nol saprei me’, rispose quella allora,
     Ma perder tempo è pur mirare ad essi.
Oltre passai senza far più dimora
     Con gli occhi a riguardar (lasciando stare
     Quel ch’io disio di rivedere ancora)
40Là dove a colei piacque che voltare
     Io mi dovessi, e vidi in quella parte
     Cosa ch’ancor mirabile mi pare.
Odi: che mai natura con sua arte
     Forma non diede a sì bella figura;
     45Non Citerea allor ch’ell’amò Marte,
Nè quando Adon le piacque, con sua cura
     Si fe’ sì bella, quanto infra gran gente
     Donna pareva lì leggiadra e pura.

[p. 27 modifica]

Tutti lì soprastava veramente
     50Di ricche pietre coronata e d’oro,
     Nell’aspetto magnanima e possente:
Ardita sopra un carro tra costoro
     Grande e trionfal lieta sedea,
     Ornato tutto di frondi d’alloro,
55Mirando questa gente: in man tenea
     Una spada tagliente, con la quale
     Che ’l mondo minacciasse mi parea.
Il suo vestire a guisa imperïale
     Era, e teneva nella man sinestra
     60Un pomo d’oro: e ’n trono alla reale
Vidi sedeva, e dalla sua man destra
     Due cavalli eran che col petto forte
     Traeano il carro tra la gente alpestra.
E intra l’altre cose, che iscorte
     65Quivi furon da me intorno a questa
     Sovrana donna, nemica di morte,
Nel magnanimo aspetto fu, ch’a sesta
     Un cerchio si movea grande e ritondo
     Da’ piè passando a lei sopra la testa.
70Nè credo che sia cosa in tutto ’l mondo,
     Villa, paese dimestico o strano,
     Che non paresse dentro da quel tondo.
Era sopra costei, e non invano,
     Scritto un verso, che dicea leggendo:
     75Io son la Gloria del popol mondano.
Così mirando questa, e provedendo
     Ciò che d’intorno, di sopra e di sotto
     Le dimorava, e chi la gía seguendo,

[p. 28 modifica]

O lei mirava; senza parlar motto
     80Per lungo spazio in ver di lei sospeso
     Tanto stett’io, che d’altra cura rotto
Nella mente sentimmi, e il viso steso
     Diedi a mirar il popolo che andava
     Dietro a costei, chi lieto e chi offeso,
85Siccome nel mio credere estimava:
     E quivi più e più ne vidi, e quale
     Conobbi, se ’l parer non m’ingannava,
Onde al disio di mirar crebbi l’ale.