Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Sennuccio mio, benché doglioso et solo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sennuccio mio, benché doglioso et solo

../Se quell'aura soave de' sospiri ../I' ò pien di sospir' quest'aere tutto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Se quell'aura soave de' sospiri I' ò pien di sospir' quest'aere tutto

 
Sennuccio mio, benché doglioso et solo
m’abbi lasciato, i’ pur mi riconforto,
perché del corpo ov’eri preso et morto,
alteramente se’ levato a volo.

5Or vedi inseme l’un et l’altro polo,
le stelle vaghe et lor vïaggio torto,
et vedi il veder nostro quanto è corto,
onde col tuo gioir tempro ’l mio duolo.

Ma ben ti prego che ’n la terza spera
10Guitton saluti, et messer Cino, et Dante,
Franceschin nostro, et tutta quella schiera.

A la mia donna puoi ben dire in quante
lagrime io vivo; et son fatt’una fera,
membrando il suo bel viso et l’opre sante.