Catullo e Lesbia/Varianti/2. In morte del passere - III Finis passeris

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae

../3. Quinzia e Lesbia - LXXXVI In Quintiam et Lesbiam IncludiIntestazione 23 dicembre 2015 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Varianti - 2. In morte del passere - III Finis passeris
Varianti - 1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae Varianti - 3. Quinzia e Lesbia - LXXXVI In Quintiam et Lesbiam
[p. 235 modifica] [p. 236 modifica]

III.


Pag. 158.          Passer mortuus est meæ puellæ.

A questo verso tien dietro nell’edizione Aldina quell'altro del carme precedente:

Passer delicice meæ puellæ;

ma io l’ho omesso sulla fede degli antichi MS. e con l'autorità dello Stazio.


Ibidem.                                        Suamque norat
                    Ipsam tam bene, quam puella matrem.

In alcuni MS. ipsa; lezione accettata dal Vossio. Ho preferita la più comune.


Ibidem          Ad solam dominam usque pipilabat.

Cosi generalmente. Il codice milanese citato dal Vossio, legge piplabat, e così l’esemplare del Maffei. Il Vossio, che non si lascia mai scappare un'occasione che gli porga il destro di correggere, muta subito in pipiabat. Mi piace più pipilabat o pipillabat, come leggono il Partenio e il Fusco; perchè è noto quanto si compiaccia Catullo dei diminuitivi; e lascio al Mureto il piacere di legger pipulabat con l’autorità di Avanzio, o vero pippiebat con quella di Paolo Manuzio. [p. 237 modifica]


Pag. 160.          O factum male, o miselle passer.

L' edizione Aldina:

Bonum factum male, bonus ille passer;

ma noi condotti dalla miglior proprietà latina abbiamo accettata la lezione di Achille Stazio.


Ibidem.          Flendo turgiduli rubent ocelli.

Così i migliori esemplari; altri tument che dopo il turgiduli riesce del tutto inutile.