Come si può fuggire della vita lo stento?

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Esopo Antichità C 1886 Achille Giulio Danesi Indice:Poesie_greche.djvu Poesie letteratura Intestazione 22 febbraio 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie greche

[p. 88 modifica]
Esopo 1.


Come si può fuggire
     Della vita lo stento?
     Infinite le cose
     Sono che dàn tormento.
Fuggirle o sopportarle
     Non è facile cura.
     Oh! come dolci sono
     Gli obbietti di natura.
Bella la terra e il mare,
     La luna e il sole belli,
     Ma tutto il resto arreca
     E timore e flagelli.
Se di goder qualcosa
     Esser può ch’un si vanti,
     In cambio, a lui tremenda
     Nemesi sorge innanti.




Note

  1. Il Bergk: Aesopi nomen videtur ex solo errore ortum: est autem satis novicium poema, neque recte Hartung uni de septem sapientibus vindicandum censuit. (Poetae lyrici graeci V. II).