Dei possenti Alcmeonidi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
greco

Pindaro Antichità D 1886 Achille Giulio Danesi Indice:Poesie_greche.djvu Poesie letteratura Pitia VII. A Megacle Ateniese vincitore con la quadriga Intestazione 22 febbraio 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Poesie greche


[p. 90 modifica]

Dei possenti Alcmeonidi,
     Che riportâr delle quadrighe il vanto
     Narriam, ma Atene esimia
     4Il fondamento gitti al nostro canto.
Qual diva casa o patria
     Da me chiamare si potria più chiara
     Di questa in tutta l’Ellade ?
     8Ogni cittade dalla fama impara
Quali essi sieno, o Apolline,
     I cittadini figli d’Eretteo.
     A te questa prosapia
     12Già l’ammirando Pitio tempio fèo.

[p. 91 modifica]

Me al canto ora costringono
    Cinque istmiche vittorie e un’altra ancora,
    Che cara a giove Olimpia
    16Vide : e una doppia palma si mietea
Da te in Cirra e dagli avoli,
    Megacle; ed ora per vittoria nova
    Sento esultanza : spiacemi
    20Solo che invidia guerra al merto mova.
Dicono che se florida
    Felicitade all’uomo s’avvicina,
    Ella dipoi fuggevole
    24Tragge le cose nella sua rapina.