Della dissimulazione onesta/II. Quanto sia bella la verità

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
II. Quanto sia bella la verità

../I. Concetto di questo trattato ../III. Non è mai lecito di abbandonar la verità IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

I. Concetto di questo trattato III. Non è mai lecito di abbandonar la verità
Prima che la vista si disvii nel cercar l’ombre che appartengono all’arte del fingere, come quella che nelle tenebre fa i piú belli lavori, si consideri il lume della verità, per prender licenza di andar poi un poco da parte, senza lasciar l’onestà del mezzo. Il vero non si scompagna dal bene, ed avendo il suo proprio luogo nell’intelletto, corrisponde al bene ch’è riposto nelle cose; né può la mente dirizzarsi altrove per trovar il suo fine, e se ’l vulgo si reputa felice in quello che appartiene al senso, ed i politici nella virtú o nell’onore, i contemplativi mettono il loro sommo bene in considerar l’Idee che son nel primo grado della verità, la qual in tutte le cose è la proprietà dell’essere a quelle stabilito, perché in tanto son vere in quanto son conformi al divino intelletto; ma Dio se stesso ed ogni cosa intende, e l’esser divino non solo è conforme al divino intelletto, ma in sostanza è lo stesso: onde Dio è la verità medesima, ch’è misura di ogni verità, essendo prima causa di tutte le cose, e quelle son nella mente divina, loro principio esemplare; e dalla verità divina, ch’è una, risulta la verità multiplicata nel creato intelletto, dove la verità non è eterna se non quanto si riduce in Dio per ragion di esempio e di causa, nella qual ritornan tutte le sostanzie e gli accidenti e le lor operazioni: e come in Dio è immutabile, perché il suo intelletto non è variabile e non cava altronde la verità, ma il tutto conosce in se stesso, cosí nella mente creata è mutabile, potendo questa passar dal vero nel falso, secondo il corso dell’opinioni; o, restando la medesima opinione, mutarsi la cosa. Sol dunque nell’eterna luce il vero è sempre vero: in quella prima luce che tanto si leva da’ concetti mortali, internandosi nel suo profondo, con nodo d’amore, tutto quello che si spande per l’universo; e la vera bellezza è nella verità stessa, e fuor di quella sol quanto di là dipende. Ma questo è piú luogo da considerar la verità morale, con che l’uomo tal si dimostra qual è; ond’or, lasciando il discorrer per que’ chiari abissi del primo vero, toccherò quest’altra parte che tanto appartiene alla nostra umanità, per renderla forte, e sincera, mentre l’adorna di ogni abito gentile, o (per dir piú espresso) la va spogliando di que’ veli, che son fatti di mano propria della fraude, che ingombra l’anima di cosí duri impacci, e ne fa sospirar quel secolo, che tra gli altri beni fu chiamato d’oro per la verità, la qual con dolcissima armonia metta tutte le parole sotto le note de’ cuori, poiché noti, e quasi fuor de’ petti, in ogni discorso si sentivano impressi. È chiaro che anche per altri rispetti furo onorati quegli anni con sí glorioso nome, ed in particolar fu secolo d’oro perché non ebbe bisogno d’oro, e, prendendo dalle semplici mani della natura il cibo e la veste, seppe trovar ne’ boschi stanza civile, non bramando piú caro tetto che ’l cielo, né piú sicuro letto che la terra, sí che gli uffici del tempo ed i servigi degli elementi si riscontravano negli animi ben disposti all’intelligenza del piacer fermo; ma tutte queste sodisfazzioni sarebbono state invano, se la verità non fosse andata per le bocche di quella pur troppo bene avventurata gente, se non fosse stata scritta nel candore di que’ magnanimi petti con caratteri (benché invisibili) di buona corrispondenza; però non bisognava che ’l sí, e ’l no, si menasse i testimoni appresso. L’amico parlava all’amico, l’amante all’amante, non con altra mente che di amicizia e di amore. Alla verità si ubbidiva perché ella invitava ciascuno a dimostrarsi senza nube, e cosí si rappresentava l’αυ̉θέκαστος, ch’è il verace ne’ detti, e ne’ fatti, in considerar in vero ch’è di sua natura onesto; ed essendo egli φιλαλήθης, ama il vero
non per ragion di utile o per
solo interesse d’onore, ma
per se stesso, ed ha piú
occasione di amarlo
quando vi s’ag-
giunge la salu-
te della re-
publica o
dell’a-
mico.