Della dissimulazione onesta/XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare

../XV. L'ira è nimica della dissimulazione ../XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare
XV. L'ira è nimica della dissimulazione XVII. Nella considerazione della divina giustizia si facilita il tollerar, e però il dissimular le cose che in altri ci dispiacciono

L’error che si può far nel compasso, il qual si gira nell’opinion di noi stessi, suol esser cagion che trabocchi ciò che si dee ritener ne’ termini del petto; perché, chi si stima piú di quello che in effetto è, si riduce a parlar come maestro, e parendogli che ogni altri sia da men di lui, fa pompa del sapere, e dice molte cose che sarebbe sua buona sorte aver taciuto. Pitagora, sapendo parlare, insegnò di tacere; ed in questo esercizio è maggior fatica, ancorché paia d’esser ozio. I concetti che risuonano nelle parole, non solo portano l’imagine di quelli che stanno nell’animo, ma son fratelli mentali (già che non posso dir carnali) del concetto che l’uomo ha del suo sapere. Questo è il concetto primogenito (per dir cosí), al qual succedono gli altri; e se non è con misura, ne procedono molti e vari ragionamenti, e di necessità però si scopre quanto è nel pensiero; ma chi di sé fa quella stima che di ragion conviene, non commette alla lingua maggior giuridizzione di quanto è il lume dell’intelligenzia che la dee muovere.