Della dissimulazione onesta/XV. L'ira è nimica della dissimulazione

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XV. L'ira è nimica della dissimulazione

../XIV. Come quest'arte può star tra gli amanti ../XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare IncludiIntestazione 25 settembre 2008 75% romanzi

XV. L'ira è nimica della dissimulazione
XIV. Come quest'arte può star tra gli amanti XVI. Chi ha soverchio concetto di se stesso ha gran difficultà di dissimulare
Il maggior naufragio della dissimulazione è nell’ira, che tra gli affetti è ’l piú manifesto, essendo un baleno che, acceso nel cuore, porta le fiamme nel viso, e con orribil luce fulmina dagli occhi; e di piú fa precipitar le parole, quasi con aborto de’ concetti che, di forma non intieri e di materia troppo grossa, manifestano quanto è nell’animo. Molta prudenza si richiede, per rinchiuder cosí gagliarda alterazione; e di chi è trascorso a tanto impeto, disse Platone: "tanquam canis a pastore, ita denique revocatus ab ea quae in ipso est ratione mitescat." Era Achille in questa passione contra Agamennone, quando "truculento intuens aspectu: - O vir - inquit - ex dolo totus atque imprudentia factus ac genitus, et quis tibi Graecorum posthac libens pareat? -". Ma l’ufficio della ragione, significata per Minerva scesa dal cielo, va temperando: " - Non venit - inquit - a caelo, Achilles, ut te iratum in ultionem iniuriae acceptae erumpere videam, sed ut ira<cundia>m tuam compescam -". Sí che Omero, in questa occasione di Achille, spiega insieme quanto importi la dissimulazione. Da due potenti stimoli procede tanta licenza di parole nell’ira, cioè dal dispiacere e dal piacere, perché ella è appetito, con dolore, di far vendetta che si dimostri vendetta, per dispregio che crediamo fatto di noi, o d’alcuno de’ nostri, indegnamente, come disse Aristotile; ed a questo dolor segue il diletto, che nasce dalla speranza di vendicarsi, e perché l’animo è in atto di vendetta: e però Aristotele soggiunse: "recte illud de ira dictum est quod, defluente melle dulcior, in virorum pectoribus gliscit". Dunque, da cosí fatto misto di amaro e di dolce, dee guardarsi chi non si vuol mostrar facilmente turbato, come sogliono parer gl’infermi, i poveri e gli amanti, e tutti quelli che si fan vincer dal disiderio. Importa il prevenir con la considerazione di quanto è maggior diletto vincer se stesso, in aspettar che passi la procella degli affetti, e per non deliberare nella confusione della propria tempesta; ma nel sere-
no dell’animo che, ritirato
ogni pensiero nell’altissi-
ma parte della mente,
potrà sprezzar molte
cose, o non curar
di vederle.